Troppo attendismo e un Tata insicuro: la Juve vince e torna sotto. Guarda la NUOVA CLASSIFICA di Serie A

Serata prima dai grandi sogni, poi della disperazione per la Fiorentina che cede alla Juventus allo Stadium negli ultimi dieci minuti. Un dispiacere ampliato anche dalle ingenuità individuali di alcuni singoli: Tatarusanu incerto sulle prime due reti e l’errore di Astori sul terzo gol di Dybala. Per il resto l’immancabile gol dell’ex di Cuadrado, oltre a Mandzukic e all’argentino ribaltano una partita che si era aperta con il rigore di Ilicic: la Fiorentina rimane davanti in classifica ed al secondo posto ma la Juve torna davvero vicino.

Guarda la NUOVA CLASSIFICA di Serie A

© RIPRODUZIONE RISERVATA

17 commenti

  1. mauro d.o.c.g.

    credo che ammettere i propri limiti sia la cosa da fare. Sappiamo ormai che la viola è una bella squadra, che abbiamo un bel gioco e ce la giochiamo con tutti, ma sappiamo anche che ci sono squadre che hanno l’organico migliore del nostro, quindi quando girano c’è poco da fare. Poi ci stà una prestazione sotto tono di alcuni visto, anche la pressione dell’occasione. Ripartiamo e speriamo in rinforzi a gennaio S.F.V.

  2. Nazione Toscana

    Tata non si tocca!
    Forza Sousa

  3. Tatarusanu è sempre insicuro e nullo nelle uscite. Sousa , per favore ,provi Sepe.

  4. Qui manca anche il portiere e Quadrato come Nutellino …..speriamo che Rossi rientri presto in forma,il campionato inizia ora

  5. Caca sotto…

  6. bonolverdicchio

    TATAROLLAVA, E’ VERO CHE NON S’è MAI TIRATO IN PORTA, MA SE POI UN CE LO RIDANNO? ABBIAMO CERCATO DI ADDORMENTARE IL GIUOCO MA CI ERAVAMO DIMENTICATI DI PISCIARE SICCHé C’è TOCCATO SVEGLIASSI. #CRISTOSIE’FERMATOALL’EMPOLI.

  7. Nel secondo tempo abbiamo rinunciato ad attaccare, si vedeva che portar via un pari da Torino piaceva molto, ma purtroppo la guve di ora ha troppa birra in più di noi, e ha cercato con forza la vittoria. Non ho capito i cambi a sei minuti dal 90mo, eravamo in affanno già da tempo, Sturaro e Sandro imperversavano. A gennaio ci sarà parecchio da fare, sperando in un nuovo Salah.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*