Tutti nelle mani dell’entusiasmometro

image

Questione di entusiasmo, come abbiamo già sottolineato. Su questa base si sta discutendo in Fiorentina se proseguire o meno il rapporto con Montella e Francesco Matteini ipotizza dunque la presenza di uno strumento particolare, come l’entusiasmometro: “Ma è davvero così complicato fare il punto della situazione e capire se società e allenatore possono proseguire insieme il viaggio in viola? C’è qualcosa che sfugge in questo balletto di dichiarazioni, mezze retromarce, sfoghi a caldo e puntualizzazioni a freddo…Pare che Della Valle abbia chiesto a Montella di continuare mettendo lo stesso entusiasmo del primo giorno. Pare che Montella abbia chiesto a Della Valle di mettere entusiasmo nel rinnovamento della rosa. Siamo in mano all’entusiasmometro”.

Leggi il pezzo completo su violaamoreefantasia.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Una domanda x acebati.. ma perché non fai un blog tutto tuo così ti lamenti quanto vuoi senza strapazzare i maroni a chi tifa la viola x davero?

  2. Pero’ se vogliono lottare al massimo x sesto(x dire ) posto basta dirlo come fatto ad agosto senza peró rimangiare la parola alle reazioni fiacche dei tifosi alla corsa agli abbomemti.
    X lottare su 3 fronti la coperta è corta , Rossi è una assenza importante che nn puoi ignorare,
    Cuadrado se è un regalo non cedi a fine gennaio.
    Insomma le ultime 2 sessioni si son chiuse con un attivo di 20 mln almeno e si doveva migliorare la scorsa stagione?
    Non è chiedere poco ma Montella c’è riuscito con 2 semifinali arrivate eliminando minimo un paio di club piu’ forti al contrario del napoli.
    Dopo tutto cio’ togli l’allenatore o gente come Bucchioni lavarano x sminuirne i meriti enormi?
    Insomma è assurdo non riconoscere enormi meriti ai giocatori e all’allenatore,
    I della valle con i loro soldi son liberi di far cio’ che vogliono peró addio di Macia e eventualmente quello di Montella dicono che nelle prossim stagioni ci sogniamo annate come le ultime 3 e prendersela con montella e e questi giocatori(tranne un paio ma inutile puntare il dito, servirebbe solo fare qualche accorgimento alla rosa) è assurdo , da ingrati e superficiali

  3. Perchè se non è così allora montella resta visto che nn chiede nulla di che , e di certo non lo sostituisce Di francesco o domadoni o un emergente ma l’allenatore sul mercato che tifa viola piu’ quotato e capace che se avesse buone possibilità di competere verrebbe di corsa o comunque se non lui qualche allenatore di livello gerrebbe.

    Insomma l’allenatore della prossima stagione sarà la cartina di tornasole delle ambizioni viola .
    Io non pretendo certo che i Della Valle dilapidino milioni su milioni ma solo maggior chiarezza e comunque con un 5/10 mln di passivo 2 anni fa, potevan tenersi lajic e invece di rebic a 5 mln con 10 prendevan un signore centrocampista , tenevano uno stipendio in +(quello di de silvestri o cassani o romulo) e la fiorentina sarebbe stata molto + fortee con i soldi della champions avrebbero fatto il mercato successivo.

  4. Dopo 3 anni se non un squadra piu’ forte Montella spera di avere una squadra a questo livello ma pare che la cosa non sia possibile ed inoltre non vuole che con lui e la stampa si fa un discorso (metà agosto il patron dice a lui e stampa siam da primi sei posti, ma tempo dopo alza l’asticella in pubblico senza prima aver semtito il parere del mister ma su certe cose ci vuol chiarezza che l’ allenatore comunque ci mette la faccia e x farlo deve sapere cosa gli si chiede ad essere in accordo).

    Alla fiorentina da 2 anni serviva una alternativa a pizarro, terzini destri di ruolo e un vice Rossi(o qualcuno quasi al suo livello che poteva giocar con lui o sostituirlo,avevamo Lajic perso x tagliare qualche soldo di ingaggi, nn servono fiumi di soldi ma uno sforzo che ti permetta di tenere i vari Neto e Lajic + a lungo e poi venderli al massimo possibile e al momento giusto, Lajic, Jovetic, Cuadrado, neto, Nastasic , questo dovevano finanziare 4 stagioni e non 2 così da alzare asticella e dar tempo di trovare sostituti e blindare i vari Bernard, Babacar etc).
    Montella ha chiesto un vice Pek e gli han preso Rebic,

    Della valle stesso ha detto a dicembre che l’allenatore l’avrebbero coinvolto si + nel mercato invece ora va via ed ha alzato asticella senza consultarlo,
    Non vuole soldi ma nn possono metterlo in difficoltà in ogni modo e poi sperare che resti e felice con una squadra che nn è stata completata e nel mente è invecchiata,
    Le risorse che ci stanno, pche o molte andavani gestite da lui che in pubblico ha detto che sperava nella permanenza di Neto e Lajic mentre non mi ricordo abbia mai detto con 433 jovetoc lajic e cuadrado abbiamo fatto valanghe di gol e punti ma non voglio continuare con qiesta squadra migliorandola ma voglio lasciare inalterati difesa e centrocampo x cambiare tutto l’attacco con i soli Rossi e Gomez(che avrà fatto milioni di gol ma allenatori ai quali mi ispiro tipo Van gall e Guardiola non lo volevano neanche in panchina….)insomma motella sul mercato conta il 2 di piche ed ha fatto x 3 anni come farebbe Donadoni ma ora pensa si meritare qualcosa in piu’.
    Non per forza soldi ma maggior chiarezza peró è + comodo scaricare tutto sempre su Prandelli o montella
    I della valle nn sono cattivi o tirchi ma 6 anni fa si sono accorti che vincere o mantenere certi livelli costa troppo e allora ogni 3 anni si parte da 0 e scaricando la colpa agli allenatori .

  5. Io credo che chiunque fa l’allenatore deve avere entusiasmo, fosse anche soltanto per il privilegio che ha e quello che guadagna…ma a parte questo discorso, e pure quello del “budget” …si può trovare entusiasmo anche a lanciare un giovane in serie A, farlo crescere, vederne i risultati e farlo diventare una pedina determinante per la squadra…è vero che i cicli e le motivazioni possono finire, ma l’entusiasmo di far crescere una squadra ce lo devi avere intrinseco nel tuo stesso stato di essere allenatore facendo crescere la squadra con quello che è possibile avere, anche perchè a volte le grandi squadre oltre che con i grandi “budget” si fanno soprattutto individuando e prendendo i giocatori GIUSTI AL POSTO GIUSTO…e diventare cosi piu forti….Siviglia ed Atletico Madrid insegnano !!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*