Questo sito contribuisce alla audience di

UFFICIALE: Il nuovo ruolo di Antognoni all’interno della Fiorentina

Dopo essere entrato a far parte della Fiorentina come dirigente, Giancarlo Antognoni ha finalmente un ruolo specifico all’interno della società viola: “ACF Fiorentina comunica che Giancarlo Antognoni assumerà il ruolo di Club Manager. In tale veste, oltre a lavorare a stretto contatto con la Squadra e con la Direzione Tecnica, Giancarlo Antognoni continuerà a svolgere il ruolo di rappresentanza Istituzionale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

27 commenti

  1. Antognoni deve avere un ruolo operativo e dare consigli sul mercato.

  2. il foglionco di piano di mommio

    ragazzi,ormai il drak ha sforato,la domanda che sorge spontanea è: ce la faremo a recuperarlo prima dell’inizio del campionato? Speriamo che la stagione non sia troppo calda.

  3. E io ribadivo, Il FOGLION-COGNIGNI di piano di mommio, con le tue parole, ma cambiando l’OGGETTO della questione, che il ruolo di Antognoni non è un problema, un ruolo lo avrà e deve averlo, e in effetti lo ha avuto. Il PROBLEMA, l’INCUBO, come dici tu – anche se io preferisco parlare di ABOMINIO, è più appropriata la definizione di ABOMINIO per il COGNIGNI – è ed è stato il COGNIGNI, l’INCUBO ABOMINEVOLE di tutti quelli che ci hanno lavorato insieme,ti elenco i Pradè, i Macia, i Prandelli, i Berti, i Montella, i Sousa, insomma, oltre a quelli che non ne parlano ma la pensano allo stesso modo, anche in società…. COGNIGNI è l’INCUBO, ed è stato l’INCUBO ABOMINEVOLE PER ECCELLENZA di TUTTI questi signori, non il mio, io di Cognigni me ne frego, io posso solo prenderlo in giro, per ciò che E’ e che FA. Pradè ha affermato che preferiva andare a cena con l’arbitro responsabile di avergli fatto perdere l’obiettivo più importante per cui ha lavorato per 4 anni nella Fiorentina, piuttosto che con questo ignobile personaggio, denominato Cognigni, che al fianco di Pradè ci ha lavorato per 4 anni, 4 LUNGHI ANNI. Secondo te, come ha potuto Pradè, tra i numerosi di cui sopra, giungere a farsi una simile opinione di tale ABOMINIO IMPRESENTABILE se non riconoscendo ciò che ormai per tutti E’ PALESE, ovvero che il COGNIGNI è una piaga senza soluzione, un ABOMINIO capace di diffondere nigredo e dissoluzione, nonchè demotivazione, con la SUA SEMPLICE PRESENZA? Puoi difendere il nanetto panzone delle cose e delle robe e la verginella, anche perchè sono assenteisti, ma non puoi difendere l’ABOMINIO COGNIGNI, mio caro, nessuno può. E’ condannato dalla nascita. E SE NE DEVE ANDARE. Non morirà di fame, può farlo altrove il ragioniere, c’è sempre bisogno di ragionieri in questo mondo decadente.

  4. Contentissimo x Antognoni x me e x la Fiorentina!Una persona seria,era ora!Avanti viola!

  5. il foglionco di piano di mommio

    Drak,ognuno vive coi propri paradigmi, se ti ossessiona tanto la presenza di Cognigni,se Cognigni è il tuo incubo peggiore, posso solo darti conforto rammentandoti che tutti gli incubi,anche i più tremendi, finiscono all’alba. Comunque qui stavamo parlando di Antognoni e della sua figura in seno alla società, quindi perche confondere il sacro con il profano?

  6. Tifolamagliaviola

    Antonio puo’ fare solo il PRESIDENTE!!!!

  7. Riflettiamo a come Antognoni è entrato in Società : sulla spinta emotiva creata dai media che identificavano la mancanza di rappresentatività viola e di di “fiorentinità” come il più grosso gap tra i DV e la Tifoseria. I sig. DV non hanno considerato Antonio per 15 anni, anzi, lo hanno proprio scanzato, e lo hanno rimesso nel ruolo sono quando si sono sentiti, in qualche modo, obbligati, per rifarsi una verginità fiorentina e per cercare chi sapesse e potesse mediare con i tifosi. Antonio non ha, e non gli hanno dato, nessun vero ruolo esecutivo ma solo “istituzionale”, di immagine, cioè, così come la nomina di ” Club Manager” non comporta niente nè di operativo nè di consultivo. Spero solo che Antonio si sia reso conto di essere stato sfruttato dai DV & Cognigni per l’immagine di mito che ha a Firenze, e che non si presti a riparare le colpe dei suoi datori di lavoro ma, quando non gli torneranno più i conti ( e prima o poi non gli torneranno più nemmeno a lui) faccia come fece con VCG : se ne vada e se ne ritorni in mezzo a noi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*