Ulivieri: “La crescita di Sousa da Torino… a Palermo”

Da ex allenatore e Presidente dell’Aiac, Renzo Ulivieri fa i complimenti a Sousa su Calciomercato.com, in virtù della sua mutazione d’atteggiamento dalla sfida con il Torino all’ultima di Palermo: “Un portoghese che si italianizza, domenica per la prima volta, quando ha visto la squadra in difficoltà, Paulo Sousa ha cambiato: non il sistema di gioco, perché chi è entrato ha assunto la stessa posizione di chi è uscito, ma l’interpretazione del sistema di gioco; perché sono entrati giocatori con caratteristiche molto diverse da quelle di chi aveva iniziato. Il Palermo, che aveva subito per tutto il primo tempo (la colpa della Fiorentina era stata quella di non riuscire a chiudere definitivamente la gara) nel secondo tempo aveva cambiato uomini e sistema di gioco, passando all’1-3-4-3 che, speculare a quello della Fiorentina, gli consentiva di entrare presto sul palleggio dei viola. Il gol di Giardino e la sofferenza sulla fascia destra hanno spinto il portoghese a cambiare. Paulo Sousa, nel momento di difficoltà, ha fatto entrare Błaszczykowski in fascia destra, ha spostato Bernarderschi in trequarti ed è uscito Ilicic. Solo per poco, perché poi è uscito anche Bernardeschi, è entrato Tomovic in fascia destra e Błaszczykowski è andato a fare il trequartista di sinistra per ripiegare poi in fascia quando la palla passava al Palermo. Borja Valero si è spostato sulla trequarti di destra per rimanere centrale sotto alla prima punta. Sembra poco, ma anche se il modulo non è cambiato, il mutamento è stato sostanziale. Perché alla fine, nella fascia destra (dove la Fiorentina soffriva), invece di un’ala che tornava (Bernardeschi) è finito un difensore che spingeva (Tomovic). Non poco. Solo per le persone intelligenti l’esperienza insegna. La Fiorentina, secondo me, ha un allenatore intelligente”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Renzo, non mi hai convinto… ma sono contento lo stesso di come è andata!

  2. bella lezione tecnica.

  3. Ecco accontentati tutti coloro che avevan da ridire.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*