UN ATTO DI FEDE

I tifosi della Curva Fiesole. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com
I tifosi della Curva Fiesole. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Chi ha sottoscritto il proprio abbonamento con la Fiorentina fino a questo momento, ha fatto sostanzialmente quello che in gergo ecclesiastico viene definito come un atto di fede, un comprare qualcosa a scatola chiusa perché seguire la propria squadra del cuore è, per questi tifosi, un qualcosa di irresistibile e irrinunciabile allo stesso tempo. E’ stato un acquistare un prodotto anche nella speranza di quello che sarà, perché per ora il mercato viola è stato essenzialmente un mercato d’attesa. Sì, è vero, è arrivato Dragowski, probabilmente arriverà Diks, sono stati ceduti Basanta, Rebic, poi toccherà anche a Bakic a breve, ma sono tutti comunque dei movimenti di assestamento, non certo affari che smuovono le folle. I tremila che hanno sottoscritto il loro abbonamento hanno dato un segnale alla società, dicendo “eccoci qua, noi ci siamo, abbiamo fatto la nostra parte e ora tocca a voi”. Tocca a voi intervenire, tocca a voi non deluderci, tocca a voi mantenere quello che avete già detto e cioè che vedremo una Fiorentina competitiva (Cognigni dixit dopo il CdA). E’ stato lanciato un messaggio che non può non aver colpito chi lavora all’interno della società, perché qui si è andati oltre la freddezza di certi numeri. “La fede si rinnova dal 1926” dice lo slogan della campagna abbonamenti della Fiorentina: ecco proprio questo è successo, la fede si è rinnovata, facciamo sì che questo non resti solo un bel messaggio.

Informazioni utili: clicca per vedere tutti i dettagli della nuova campagna abbonamenti  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. Viola dal 1967

    Atto di Fede nella maglia è giusto se la proprietà è seria e ha fede, cioè si sbatte per i suoi tifosi e la città che rappresenta…guardate che io sono viola dal 1967, non sono certo gobbo e anno scorso ero a Londra per la Coppa, ma adesso BASTA!!!! Io me ne frego se è tornato il Corvo, io voglio vedere impegno della proprietà nel mantenere ciò che ha detto in questi anni, sempre promesse non mantenute…
    BASTA!!!! Se loro non amano la maglia della squadra di cui sono proprietari e non ci investano per farla crescere, ma solo vivacchiare in attesa dello stadio ect ect, perchè mai noi dovremmo dare i nostri soldi a questi proprietari? per la fede calcistica che ci ha sempre contrabbistinto? Ma questanon è fede calcistica amore per la maglia a volte bisogna staccare per dare una svolta, altrimenti ci prendono per PECORE DA TOSARE… e comunque sono solo 3500 gli ani passati eravamo ben oltre, quindi vuol dire che questa proprietà a ROTTO il ++++o a tanti…QUESTA è LA VERITà!!!!

  2. Ma guarda quanta gente la viene a dare lezioni di tifo ! Cari amici, a me la storiella di proprietà che enfatizzano “l’amore per la maglia”, “il tifo a prescindere”, nel pieno di una CAMPAGNA ABBONAMENTI, salvo poi pensare ai propri interessi, l’ho GIÀ VISSUTA IN PASSATO CON QUASI TUTTE LE PROPRIETÀ. Non attacca più !!! Il tempo e il denaro che ho “perso” dietro la maglia viola, nn li rimpiango, ma nn accetto che quattro soggetti che nn sanno nemmeno dove stà il Franchi vengano a tranciare giudizi ! Se siete stati comprati o rincoglioniti da questa proprietà, affari vostri. Ma piantatela di fare discorsi che, detti da voi, paiono solo retorica

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*