Questo sito contribuisce alla audience di

UN COMUNICATO DETTATO DALL’ESPLOSIONE DI DIEGO DELLA VALLE. FIORENTINA IN ODORE DI CESSIONE DA TEMPO. SCALERA NON RISCATTATO? INSPIEGABILE

Il clima è caldissimo in casa Fiorentina, e ormai manca poco al ritiro. Dell’attualità della squadra viola, Fiorentinanews.com ha parlato con l’intermediario di mercato Bernardo Brovarone.

E’ arrivato un duro comunicato della proprietà della Fiorentina, che ha generato discussioni tra i tifosi…

Questo comunicato mi mette in grande difficoltà, racchiude un discorso ampio. C’è stata una grossa incrinatura tra ambiente e Della Valle dettata dagli ultimi 3 anni, per certi aspetti inaccettabili a livello di gestione. Questa piazza, quando poi reagisce diventa calda, anche se la Firenze che hanno conosciuto i Della Valle è nettamente la parte della storia della Fiorentina più disciplinata, corretta. Il problema è che non si riesce a riconoscere i propri errori, i propri limiti, l’aver trascurato una società di calcio così importante, e si reagisce in una maniera che è incredibilmente infantile, un’opera di sfida. Il comunicato è una reazione che ha avuto Diego Della Valle, e secondo me tutto è culminato con la storia di Cavalli, unita all’imminenza di una serie di cessioni che la proprietà ha già capito che Firenze non accetterà mai, soprattutto quella di Borja Valero, un trasferimento fatto, che sta slittando solo per ragioni legate al Fair Play finanziario dell’Inter. Secondo me è una chiara situazione in cui si stanno mettendo le mani avanti. Si tratta quindi di una decisione non solo di pancia dei Della Valle? E’ un qualcosa che è iniziato da quando Diego Della Valle si è disinteressato della Fiorentina e la situazione è passata in mano a Cognigni, con Andrea Della Valle, e la gestione è stata spesso inappropriata per tanti aspetti. I Della Valle sono molto permalosi, ed essere attaccati li mette in grande difficoltà; è incredibile che non si riesca, qualora ci sia l’interesse, ad avere un confronto puro con la gente, i tifosi, per riconquistarla. E’ evidente che si tratti di un sentimento ormai sopito, e a dire il vero è difficile sapere che cosa abbiano mai cercato: non possono essere sorpresi dal fatto di non aver ottenuto risultati dopo una gestione come quella portata avanti. I loro errori sono stati sottolineati da tutti, da dirigenti ad allenatori. Hanno tenuto persone in società che hanno continuato a fare danni. Hanno creato loro questo disagio. E’ naturale che la reazione popolare sarebbe venuta fuori, anche esagerata. Non sono stati capaci però di conquistare le persone, risultare simpatici. La parte comunicativa è sempre stata uno strazio.

Che interpretazione dà alle parole della società?

E’ una vera esplosione di Diego Della Valle. Il richiamo ai fiorentini, l’atteggiamento mostrato, non sono novità: la società è in odore di cessione da più di 2 anni. Un comunicato il 27 di Giugno, dopo che negli ultimi 6 mesi sono stati ricreati presupposti appositamente per ricompattare l’ambiente, limare la distanza tra città e proprietà, con figure come Antognoni e Salica, di cui tutta Firenze ha sempre solo parlato bene. Solo alcuni giorni fa si sono sentite raccontare da Cognigni un sacco di belle cose. Penso poi un’altra cosa: il comunicato della proprietà nessuno se lo sarebbe aspettato dentro la società: da Cognigni, fino a Corvino e Pioli. E’ iniziato un progetto con un nuovo allenatore, e si fa un comunicato 10 giorni prima del ritiro di Moena annunciando la vendita? Lo vedo come un colpo di coda dettato da chissà quale scarica di rabbia. E’ veramente assurdo, niente di nuovo è successo negli ultimi giorni, in confronto agli ultimi 6 mesi, tale da scatenare una cosa del genere. I Della Valle sono così, hanno bisogno che tutti gli vadano dietro; parlano di cuore, ma come puoi cedere Alonso e comprare Milic e pensare che il tifoso sia felice? Hanno raccontato tante, troppe novelle, ed ora non possono pretendere che la gente li osanni. Le battute sui fiorentini sono molto tristi: il giorno prima si parlava del pantaloncino nero e della maglia ispirata al calcio storico…

Fascia destra, Gaspar preso, Diks c’è il Feyenoord, Venuti rimane al Benevento, mancato riscatto di Scalera.

Davvero non ne ho idea…quest’ultima decisione è inspiegabile. Anzi, questa è probabilmente la cosa più inspiegabile di tutte. Un milione e duecentomila per un ragazzo che ha dimostrato di valere, non sono una cifra fuori dalla portata. Italiano, titolare nell’Italia Under 20. E’ una cosa che ti fa pensare che ci sia la volontà di mollare. Oltretutto in un ruolo in cui la Fiorentina cerca giocatori da anni. Condivido la scelta di tenere Venuti in prestito al Benevento ancora un anno. Non ha dimostrato ancora di avere grandi prospettive.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

58 commenti

  1. Forza viola e grazie ai della valle senza se e senza ma.

  2. Via da Firenze i braccini marchigiani, vadano a fare le suole alle hogan, forse quello gli riesce bene. Il calcio è ben altra cosa. Non se ne può più di questi due via ! SFV

  3. Te c hai ragione!un se ne pole più!forse per scovare i gobbi a giro..

  4. Scusate Redazione, ma tutti questi test che compare della juventinità, cominciano a dare fastidio eh…..
    Forza Viola, Siempre

  5. torna bolatti

  6. Ma chi la compra una scatola vuota per 150 milioni? Una fantastica opportunità per allestire in fretta e furia una squadra da lotta salvezza, questo è ora la Fiorentina.
    La squadra di una città dove anche oggi si fa lo stadio domani. Mettetevi l’animo in pace, la proprietà non cambierà per molto tempo. FV

  7. È esploso Diego Della Valle????? Oicche’ l’era un kamikaze????

  8. Aiutooo, avvisate xavier jacobelli,che sostiene che al momento non c’è nessuno che TENTA di acquistarci, che invece c’è la fila con il numerino in mano!Per informazioni sull’ordine del numero di chiamate contattate Sundas69!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*