Un Kalinic “inceppato” ma chiamato agli staordinari nel girone di ritorno

Gioca sempre alla grande per la squadra, si muove, aiuta i compagni, li serve. Un giocatore completo che ha un nome e un cognome: Nikola Kalinic. i 10 gol che ha segnato fino a qui hanno certificato che siamo di fronte a un grande giocatore che ha in poco tempo conquistato tutti, addetti ai lavori e non. Nell’ultimo periodo qualcosa si è inceppato e, numeri alla mano, nelle ultime sei partite di campionato il croato ha messo a segno una sola rete (contro il Chievo) sintomo che gli avversari iniziano a conoscerlo e sanno come bloccarlo. Oltre a questo aspetto non ci dimentichiamo che Kalinic ha iniziato prima degli altri la stagione 15/16 avendo giocato anche 4 match in Ucraina tra lugio e agosto e dunque un po’ di stanchezza è più che comprensibile. Babacar continua a non convincere del tutto Sousa e dunque l’ex Dnipro sarà chiamato a fare gli straordinari anche in questo girone di ritorno già a partire da domenica sera quando sarà di scena a S.Siro. Uno stadio che per ora gli ha portato più che fortuna perchè proprio a Milano la sua prima tripletta in A mise ko l’Inter nell’ottobre scorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA