Un mercato che contrasta anche con la tattica di Sousa

Mercato terminato e difesa viola dimezzata in pratica rispetto a quella che partì a inizio luglio per Moena: il solo Astori, oltre al rientro di Roncaglia, è andato a incrementare la rosa dei difensori, a fronte delle partenze di Basanta, Savic, Hegazi e Piccini (oltre ai prestiti dei giovani Gigli, Mancini, Venuti e Zanon). Quel che rende maggiormente perplessi è la penuria totale di difensori di fascia destra: nessuno realmente di ruolo, a meno di non voler davvero puntare su Gilberto in quella posizione, con l’esigenza dunque di ripartire da una difesa a tre. Non proprio il massimo per chi, come Sousa, in estate aveva studiato la retroguardia a quattro, immaginando magari Tomovic nuovamente adattato su un lato. Ed anche a centrocampo, riporta il Corriere Fiorentino, le scelte sono mutate con la perdita in pratica del trequartista ed una tendenza sempre maggiore al 3-5-2. Tutti ripensamenti tattici legati alle necessità del mercato, non proprio il massimo della vita per iniziare la stagione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA