Questo sito contribuisce alla audience di

Un SI’ che sblocca la via per la costruzione del nuovo STADIO. Ma ora i pericoli sono il sindaco di Sesto e la Unipol

Un sì, un via libera quello della commissione tecnica alla valutazione di impatto ambientale per la realizzazione della nuova pista di Peretola che viene presa come una vittoria da parte sia della Regione Toscana che dal Comune di Firenze. Con questo OK, almeno teoricamente, si sblocca un bel mosaico: Peretola, trasferimento Mercafir a Castello, Stadio e Cittadella Viola in quella che era l’area destinata al mercato ortofrutticolo. Sorrisi e champagne per tutti, compresa la Fiorentina però ci sono ancora due insidie e due pericoli da superare.

Il primo riguarda la posizione del sindaco di Sesto Fiorentino, Lorenzo Falchi, che è contrario alla realizzazione dell’aeroporto e dell’inceneritore (parte dei terreni in questione ricadono sul territorio del Comune di Sesto), che è pronto ad impugnare il tutto davanti al TAR. Il secondo invece rimanda all’Unipol, proprietaria dei terreni a Castello dove dovrebbe nascere la nuova Mercafir. La compagnia assicurativa ha già presentato ricorso per la realizzazione di tale opera ed è pronta a fare lo stesso passo ancora in futuro per evitare che la Mercafir si trasferisca proprio lì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. La Roma inizierà a costruire lo stadio fra pochi mesi…
    Solo per dire…

  2. La questione è politica e tutta a sinistra…..come sempre. Persone che nn sanno vivere né in cielo né in terra. Solo burocrazia da regimi!!!!Forza Viola.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*