Una chance chiamata Rebic

Una fascia per tre: Bernardeschi è esploso giocando da esterno destro, con l’infortunio di Blaszczykowski, che gli ha spalancato porte che parevano sbarrate. Del resto, togliere il posto ad uno tra Borja Valero ed Ilicic, sarebbe stata roba dura. Invece, la prestazione di Marassi, ha lanciato Berna verso orizzonti (vedi Europeo con la Nazionale maggiore) che parevano irraggiungibili. Tutto bello insomma, ma va da sé che il “10” non possa giocarle tutte. Serve qualcuno che, da qui a Natale, gli dia una mano. Poi tornerà Kuba e, soprattutto, aprirà il mercato. Bernardeschi è la prima scelta. Il titolare più o meno designato. Nelle gare più importanti, a destra, giocherà lui. E poi? Restano due soluzioni: Rebic e Gilberto. Un ballottaggio a tre che resterà costantemente aperto, a partire dalla gara di domenica con l’Empoli, scrive La Repubblica. Il primo, dopo un paio di stagioni da oggetto misterioso, sta provando finalmente ad emergere. In campionato ha messo insieme tre presenze (di cui due da titolare) per un totale di 191’ e, contro il Frosinone, ha trovato anche il gol. Fortunato, vero, ma comunque importante. In Europa League invece il croato ha giocato due partite, entrambe dal primo minuto, rimediando anche un (assurdo) cartellino rosso. Ha saltato per squalifica la trasferta di Poznan, e salterà anche quella di giovedì prossimo col Basilea. Ecco perché, domenica, potrebbe avere un’altra chance. Coprire tutta la fascia non è la sua specialità, ma ce la sta mettendo tutta. Poi c’è Gilberto. Il brasiliano, complice anche un infortunio, ha giocato pochissimo e ha convinto ancora meno. Benino nell’esordio (a sorpresa) col Milan, salvo poi scontrarsi con la dura realtà del calcio italiano. Niente gol, niente assist, e parecchie difficoltà. Rispetto a Bernardeschi e Rebic, parte indietro. Questo non significa che domenica non possa toccare a lui. Anzi. Sousa lo sta seguendo da vicino e, se il ragazzo meriterà, non esiterà a concedergli un’altra occasione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Sono d’accordo con Ulisse.
    Per me Rebic dirà tanto, tantissimo in futuro..

  2. A me Rebic è sempre piaciuto. Piedi ruvidi? Nemmeno tanto, può migliorare e cmq ha corsa, fiato e grinta da vendere oltre a un gran tiro e se lo metti davanti la butta dentro con facilità.
    Questo ragazzo ci farà godere quest’anno e nei prox anni anche perchè Sousa è molto bravo a valorizzare i giovani, anche quelli con la testa un pò calda.

  3. La cosa più importante è che Rebic ci stia mettendo tanta grinta e volontà. Là davanti ogni tanto è un po’ legnoso, ma corre tantissimo e torna spesso in difesa a recuperare palla e far ripartire l’azione. Domani punterei su di lui e giovedì su Bernardeschi, che con un rinforzo a destra vorrei tanto vedere trequartista…

  4. Giorgio Perozzi

    Sarà che non sono un grande intenditore di calcio, sarà che quando si è tifosi, la maglia Viola è magica comunque, però questo ragazzo non lo vedo così negativo come spesso sento dire. Si parla di mandarlo via in prestito, è comunque sempre visto con scetticismo. Si tratta di un giovanissimo calciatore, e come tutti i giovani ha alti e bassi. La squalifica in Europa League non lo ha aiutato per il minutaggio, ma sarei comunque per valorizzarlo e coinvolgerlo sempre quando possibile. SFV !!!

  5. Più lui di Gilberto…FV

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*