Una mediana ancora scollegata e frastornata

Non solo la difesa, c’è anche il reparto di centrocampo fra gli imputati nella sconfitta di ieri contro il Valencia, ed in generale nelle precedenti scarse prestazioni a partire dall’amichevole persa con il Celta Vigo. Una linea mediana che palesa poca varietà in costruzione, limiti grossi in interdizione e pause preoccupanti durante le varie fasi di gioco. Troppi palloni persi e troppi falli commessi, tutto ciò dovuto a poca lucidità e a poco tempismo. Le difficoltà sono presenti sia in fase di possesso che di contenimento. L’impressione è che la Fiorentina necessiti ancora di tempo per acquisire la necessaria resistenza ma magari anche di un elemento in mezzo al campo dopo l’arrivo di Sanchez, con maggiore qualità e capacità di fraseggio, che possa aiutare Badelj e Vecino, Borja Valero e dare loro il cambio. Il centrocampo è il cuore pulsante della squadra e l’inizio della scorsa stagione mise in evidenza un Badelj ed un Vecino tirati a lucido e dominanti in lungo ed in largo. Le caratteristiche dei centrocampisti fanno sì che la Fiorentina necessiti di avere in mano il pallino del gioco: in caso contrario la squadra appare davvero in affanno. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*