Questo sito contribuisce alla audience di

Una rivoluzione nelle mani di Cognigni. Quella volta in cui a Montella…

Fino ad oggi non è mai stato così potente Mario Cognigni. Il passo indietro di Andrea Della Valle, lo rende praticamente unico referente assoluto. La Repubblica descrive così il presidente esecutivo della Fiorentina: “Emanazione diretta di Diego, ha pelo sullo stomaco a chili e freddezza da calippo. È uomo di conti, certo, ma da quando cercò di spiegare a Montella come era meglio schierare la formazione, non perde mai occasione (lontano dai riflettori) di dire la sua su moduli e, soprattutto, trattative di mercato. Il calcio quando ti prende ti prende”. Da non dimenticare neanche il fatto che il ritorno di Corvino a Firenze è stata una sua decisione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

14 commenti

  1. Ariecco l’omo nero Don Arpagone, che faccina a contasoldi che c’ha , il classico ragioniere commercialista infido e bugiardo,
    di din di din di din , di din di din di din , di din di din di din , azz’ manca un di din

  2. POTERI PLENARI al DEMOTIVATORE!!!!!!!!!!!

    ma mica dal passo indietro di ADV 😉

    certo che se potesse pure allenare sai che bel risparmio potrebbe far fare l’Omo Nero al suo padrone DDV(e poi abbiamo notato che intenditore di gran classe sia nel mirare affari e procurare Campioni per la squadra)

    Forza Viola!!! malgrado voi!!!

  3. Sono 5 anni che cognini, l uomo fidato di diego, comanda la Fiorentina.Questi se ne accorgono ora

  4. Paolino Paperino

    Al di la di ogni considerazione sui vari personaggi che affollano gli uffici del club, quello che fa veramente ribrezzo è l’abbandono totale di una loro società da parte dei proprietari, non esiste in tutto il mondo!!!! Questa è la vera vergogna, non l’autofinanziamento.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*