“Una situazione insopportabile”: Scatta lo sciopero dei giornalisti Radio Sportiva

La redazione di Radio Sportiva, con il sostegno dell’Associazione stampa toscana e della Federazione nazionale della stampa italiana, è costretta a proclamare lo sciopero dopo l’allontanamento (leggasi licenziamento)  immotivato di un collega. Licenziamento che si somma a una situazione del tutto inaccettabile in cui la redazione si trova a lavorare, nonostante la continua crescita che ha portato l’emittente a raggiungere il milione di ascoltatori al giorno. Da sei anni, Radio Sportiva ha ottenuto grandi successi: Giornalisti mai regolarmente assunti sono stati inviati a seguire Olimpiadi e campionati del mondo. Nell’ultimo anno, stanchi di uno stato di cose non più sostenibile, i redattori di Radio sportiva hanno portato avanti, d’intesa con il sindacato, le legittime richieste di regolarizzazione dei rapporti di lavoro a cui la Proprietà, a fronte di una presunta disponibilità iniziale, non ha dato seguito nemmeno dopo l’ispezione dell’Inpgi che ha redatto un verbale in cui si certifica un rapporto di lavoro subordinato.

Ma non è successo niente. Al contrario è continuato il cronico e sistematico ritardo nei pagamenti, fino ad arrivare al recente diniego da parte dell’azienda a corrispondere le mensilità da settembre in poi, mettendo in discussione anche i diritti già acquisiti e intimando l’accettazione di nuove condizioni unilaterali e retroattive. In risposta alle legittime rivendicazioni dei giornalisti, l’editore ha tentato di censurare un precedente comunicato sindacale, facendo sfumare il volume e recapitando poi una lettera in cui si annunciano querele contro coloro che avevano letto il comunicato a nome della redazione. Oltre a ciò, la proprietà di Radio Sportiva attua costantemente un’ingerenza diretta nell’attività giornalistica  con direttive contraddittorie e di natura non imprenditoriale. Tale clima ha portato, tre mesi fa, l’assemblea dei redattori a sfiduciare il direttore.

Nel momento dello sciopero, la redazione di Radio sportiva rivolge un appello al ministro Luca Lotti, alla Regione Toscana al Coni e alle federazioni sportive affinché diano un contributo al riconoscimento dei diritti di chi ha dedicato anni di lavoro alla diffusione degli avvenimenti sportivi in Italia e all’estero. La Redazione, sempre d’intesa con Associazione Stampa Toscana e Federazione Nazionale della Stampa, si augura che la situazione possa essere risolta, anche attraverso un tavolo nazionale di trattativa, ma è determinata a continuare la lotta, in tutte le sedi, con il sostegno del sindacato, per tutelare la dignità, la professionalità e i diritti dei giornalisti.

Ai nostri colleghi di Radio Sportiva, alcuni dei quali sono passati anche da questa Redazione, va tutto il sostegno di Fiorentinanews.com e dei nostri editori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Ops… ma in mano a chi stanno quelli di Radio Sportiva? La Società Editrice… C’è un RISULTATO NETTO che va giù e giù e giù, che più giù non si può, e che sarà mai…

    http://www.informazione-aziende.it/Azienda_MEDIA-HIT-SRL
    http://www.informazione-aziende.it/Azienda_PRIVERNO-SRL

    -71,64% per Priverno srl e l’abominevole -2192,59% per Media Hit srl, WOW!

  2. Bruttissima vicenda. Tutta la mia solidarietà a chi vuole svolgere il proprio lavoro in maniera libera ed essere retribuito per in maniera equa e puntuale.
    Se posso muovere un piccolo appunto alla redazione è la mancata citazione di quella perla di editore (io so chi è, ma magari a molti sfugge) questa gente va sputtanata.

  3. Grande radio…imparziale e con giornalisti di livello. Forza!!!

  4. Il seguito di radio sportiva è dovuto solo ed esclusivamente ai ragazzi che ci lavorano o che hanno lavorato li.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*