Questo sito contribuisce alla audience di

Una squadra di Bamboccioni

Un po’ di tempo fa l’ex ministro Padoa Schioppa utilizzò il termine ‘bamboccioni’ per definire quei giovani italiani che, pur avendo un lavoro, preferivano restare in casa con i genitori piuttosto che andare alla ricerca di una propria indipendenza. Da questo ragionamento parte La Repubblica per parlare della Fiorentina attuale, una squadra con l’età media più bassa della Serie A, che fa fatica però ad allontanarsi dal Franchi e da casa propria, e quindi composta da bamboccioni.

Il risultato? Due sole vittorie (Verona e Benevento) e un pari fin qui in trasferta in sette partite. E soprattutto un solo punto racimolato contro avversari come Spal, Crotone e Chievo (mica squadroni di primo livello). Il tutto quando manca poco ormai alla partita contro la Lazio, formazione molto temibile che ha iniziato questa stagione andando oltre le più rosee aspettative.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Altro che bamboccioni….grazie ai d.v e company….è proprio una.squadra di M….!!!!!!!!!

  2. Per come è ora la Fiorentina neanche se torna Don Diego in persona migliora l’andazzo diciamolo apertamente è una squadra di giocatori mediocri tolti 4-5 il resto fa pena.

  3. Manca la società,non c’è più chi comanda,è questo il problema!!!Una azienda senza il presidente,un ospedale senza il direttore come fa a funzionare?Questo è quello che sta succedendo alla Fiorentina.Le squadre che ottengono risultati sono quelle con società serie e forti alle spalle.La nostra è una squadra di metà classifica che in base alla proprietà che ha può diventare da Europa o da retrocessione.L’Atalanta dello scorso anno ne è un esempio lampante o il Chievo che si salva senza problemi ogni anno o viceversa il Palermo o il Genoa che retrocedono o poco ci manca.
    La forza e la qualità di chi comanda è alla base di tutto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*