Una squadra universitaria che ha raggiunto la Lega Pro: ecco il fenomeno Unicusano

Una squadra universitaria che raggiunge addirittura una serie professionistica di calcio. A realizzare questo sogno e a mettere in pratica questa esperienza più unica che rara nel mondo del pallone ci ha pensato l’università Niccolò Cusano attraverso l’Unicusano Fondi Calcio.

Un’impresa costruita nel corso di una stagione, l’ultima, che ha visto la compagine laziale vincere i play off e la Coppa Italia di Serie D e che ha valore doppio perché l’Unicusano ha saputo mettere insieme un’ottima gestione sportiva, la ricerca scientifica e la raccolta di fondi.

Adesso però viene il difficile perché gli universitari sono stati inseriti nel girone C della Lega Pro, un girone difficile, specialmente dal punto di vista ambientale ed anche molto competitivo, perché vede al via compagini come il Lecce, il Messina, il Catania, il Catanzaro, il Foggia e la Reggina, che possono anche vantare un passato in Serie A. Tra l’altro la prima partita di campionato vedrà l’Unicusano affrontare in casa, allo stadio ‘Purificato’, proprio la Reggina il prossimo 28 agosto.

In vista di questo impegno è stato previsto un precampionato tutt’altro che facile e sicuramente la partita contro la Roma svoltasi a Trigoria è stato un test più che impegnativo. Fondi non è uscito con le ossa rotte da questo match, anzi. I giallorossi hanno vinto 4-0 grazie essenzialmente alla giornata di grazia di un certo Edin Dzeko, non un attaccante qualunque, ma uno che ha già giocato fior fior di partite anche in Champions League. E peccato per il rigore fallito da Tiscione: sarebbe stato un ulteriore premio per una squadra che merita di essere seguita.




© RIPRODUZIONE RISERVATA