Questo sito contribuisce alla audience di

Una tendenza da non sottovalutare

Nelle passate stagioni Firenze e la Fiorentina erano mete ambite e desiderate da molti. Le annate di Prandelli prima e Montella poi erano riuscite a dare alla squadra viola una dimensione di prim’ordine in Italia e medio alta a livello europeo. 3 anni fa, il raggiungimento trall’altro della semifinale di Europa League con il Siviglia aveva fatto raggiungere l’apice all’appeal della Fiorentina ma da li in poi é stato tutto il contrario.  Nelle ultime settimana la dirigenza viola, Corvino in primis, sta ricevendo “due di picche” a destra e manca, come se tutto cio che era stato idealmente costruito negli ultimi 10 anni, fosse svanito nel nulla. Prima il caso Emre Mor, con il turco che prima era vicinissimo al capoluogo toscano ma poi, visto l interessamento dell’inter, ha preferito la fredda Milano alla piccola Firenze. Poi Jese Rodriguez che addirittura ha preferito trasferirsi allo Stoke city in premier league, anche se in questo caso probabilmente a far pendere verso gli inglesi la decisione dello spagnolo sia stato lo strapotere (soprattutto economico) del campionato d’oltremanica. Nelle ultime ore sembrano essere arrivati due no anche da Strinic e Antonelli, che forse anche giustamente ci pensano due volte e pretendono garanzie prima di accettare la proposta viola. Occorre quindi “attrezzarsi” e cambiare qualcosa prima che la situazione peggiori: serve un progetto ambizioso che  riesca ad attrarre giocatori di livello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. Erano altri tempi anche perché gli ingaggi dell’epoca non avevano raggiunto i livelli di oggi. Se un giocatore come Strinic (buon giocatore ma nulla piú, valutato 6 milioni dallo stesso Napoli) ti chiede un ingaggio superiore ai 2 milioni di euro (che poi sono 4 milioni al lordo delle tasse), come pensiamo di poter fare noi che abbiamo poco piú di 100 milioni l’anno di fatturato? Quanto ti chiede un giocatore valutato 20 o 30 milioni di euro?

  2. La tua é solo fuffa e critica a prescindere. Quello a cui ambiscono i giocatori e soprattutto i loro procuratori sono solo i soldi. Tutti i giocatori che hanno detto no alla Fiorentina lo hanno fatto solo perché altri hanno offerto loro di piú (Mor), sono andati in un campionato piú ricco (Jesé) oppure nelle società attuali prendono di piú pur facendo panchina (Antonelli e Strinic). D’altra parte la dimensione del nostro business non ci permette di offrire REALISTICAMENTE ingaggi + alti di 1,5 milioni e quindi per fare il salto di qualità dovremmo avere incassi maggiori, ma lo stadio nuovo é ancora da venire e siamo in autofinanziamento per cui …..

  3. al primo anno di Montella venivamo da un campionato in cui si é lottato per la salvezza e quindi se contava giusto il campo o gli obiettivi dichiarati eravamo ancora meno appetibili. Quello che cambiava era la voglia ma sopratutto staff tecnico e dirigenziale.
    Si sottovaluta o si dimentica che Macia portò spessore internazionale che lui convinse il liverpool a darci gratis Aquilani perché ci lavorò ed aveva ottimi rapporti come con vari club Spagnoli.
    Avevamo spessore internazionale , arrivavano i Joaquin, Borja Gonzalo che in realtá erano giocatori molto ricercati seppure ora si dice ma chi erano. Erano ceetezze come Pizarro e altro ma erano altri tempi

  4. Be chi è causa del suo mal pianga se stesso………. Forse è un bene che ne Jese Antonelli e Strimic hanno rifiutato non cambiavano di certo gli equilibri, ma la verità è che se una proprietà all’inizio del mercato mette in vendita la società e vende i migliori e prende ragazzini o giocatori di terza fascia fa vedere al mondo pallonaro che qui non c’è un progetto .

  5. Paolo da Grosseto

    Mi permetto di obbiettare alle osservazioni fatte da sorbetti, spero non si offenda ma ognuno credo sia padrone di avere le proprie idee. emre mor è logico abbiamo scelto l’Inter, se pensiamo che non ragazzo come bernardeschi cresciuto a Firenze abbia preferito la panchina dei gobbi alla sicurezza del posto nella Fiorentina, la scelta del Turco non può meravigliare. Jese ha sicuramente preferito la premier League alla serie a, quindi il rifiuto alla viola è relativo. Antonelli è stato trattato come un pacco dal Milan e forse questo lo ha indispettito, ecco sul rifiuto di strinic non saprei cosa abbia inciso visto che a Napoli non è nemmeno in lista UEFA. Però nella sostanza dei fatti 4 rifiuti che francamente mi lasciano indifferente, di questi forse solo il turco mi avrebbe incuriosito, il resto è poca cosa

  6. Serve cambiare proprietà! Velocemente prima che ci facciano perdere ulteriori potenziali tifosi in Italia e nel mondo! Bisognerebbe chiedergli i danni morali e materiali ai braccini!

  7. Dopo la conferma di Badelj,fare sforzo per rinnovargli il contratto,il centrocampo e’ a posto,per la difesa acquisterei Izzo giovanee ,versatile terzino o centrale di destra per passare anche a tre in difesa(ricorda per grinta Roncaglia),a sinstra Alesami o Lazaar,in attacco Nestorowsky e via Babacar.

  8. Tyrion Lannister

    emre more, che il borussia non vede l’ora di sbolognare, forse andrà all’Indel…….forse………jese è un furbacchione, sa di non essere più l’enfant prodige di prima e preferisce i soldi e la tranquillita di Stoke, dove potrà continuare ad essere un anonimo ex prodigio strapagato, a Firenze e alla Fiorentina dove la sua mancata rinascita non passerebbe inosservata

  9. Calciatori e procuratori sono diffidenti dopo il comunicato dei DV e preferiscono temporeggiare per vedere come evolve la vendita della società.

  10. sorbetto un sai più cosa dire? illazioni…… Mor al momento dov’è – jesè allo stoke x soldi e perchè il campionato è migliore non perchè la viola non tira – un pratica che state imparando in tanti: incendiari buffi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*