Questo sito contribuisce alla audience di

Un’assenza pagata a caro a prezzo

Rispetto alla passata stagione, quella scesa in campo a San Siro contro l’Inter era tutta un’altra Fiorentina. Se ne sono andati giocatori importanti come Tatarusanu, Gonzalo Rodriguez, Bernardeschi, Borja Valero, Vecino e Kalinic, ma non sono stati loro gli assenti più rimpianti alla prima giornata di campionato: in un centrocampo a due molto fisico e poco tecnico, a spiccare è stata l’assenza di Milan Badelj. Il croato doveva essere il primo a dire addio alla Fiorentina all’inizio del calciomercato estivo, ma alla fine complice il cambio di procuratore e le poche offerte ricevute ha deciso di rimanere sulle rive dell’Arno per non rischiare di perdere il posto da titolare in vista dei Mondiali del 2018. E la sua permanenza potrebbe essere il miglior acquisto per il centrocampo di Pioli, alla ricerca di qualità e di piedi fini per iniziare l’azione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. Sanchez ha altre caratteristiche , non gli si puo’ chiedere di fare cio’ che fa Badelj.

  2. Con badelj al posto di sanchez altra musica..FV

  3. Il problema sono i DV e la impressionante quantità di incompetenti che sono in società.

  4. Non diciamo fesserie i terzini di ieri sera non sono quelli titolari perciò guardiamo domenica con Gaspar e Biraghi poi rientreranno Badelj e Chiesa e fra l’altro giocheremo con una squadra alla nostra portata dopodiché possiamo dare un giudizio

  5. Meglio non li comprano hanno speso su Simeone e Benassi perché in prospettiva sonomquelli che possono portare più plusvalenza ma come mai hanno dato via giocatori validi ma più maturi o come Kalinic che non ci sono voluti proprio restare ,o come Bernardeschi che ritenevano una plusvalenza già buona e non volevano dargli un ‘ingaggio per loro improponibile,altri per l’ingaggio solamente B.Valero G.Rodriguez Ilicic ,come vedete oltre a diverse sessioni di mercato passate anche questa di piu delle altre è basata solamente su un fattore finanziario e niente viene fatto per quello tecnico sportivo come una vera società di calcio ,quindi vi dico e ripeto ormai da tempo il calcio vero di livello a Firenze grazie ai DV è finito .

  6. Non c’è niente da rimpiangere, hanno fatto una scelta più remunerativa e appagante, la società ha fatto nuovi acquisti, più giovani, quindi con minor esperienza, non saprei dire ancora se con minore o più qualità, questo lo vedremo strada facendo; la squadra deve ancora trovare un gioco d’assieme… i vari Dias, Veretout, Eysseric, Simeone, mi sembrano dei buoni giocatori, in particolare Dias; vedo in crescendo Cristoforo che sta facendo un gioco propositivo a centrocampo; dimenticavo Pezzella, ottimo acquisto, penso che lo vedremo al posto di Hugo…unici nei, terzino di fascia dx, sia Tomovic che Gaspar, non idonei per il ruolo, lo stesso dicasi di Olivera, ma qui speriamo che Biraghi ci sorprenda

  7. Tutto è inferiore al problema terzino dx e sx

    Solo questo è il vero problema.

    Se sei cieco ad un occhio non vai a guardare se hai l’alluce valvo … devi cercare di vedere da quell’occhio cieco, punto e basta.

    Stessa cosa i terzini, sono il nostro occhio cieco!

  8. non ci nascondiamo dietro le assenze, chi ha giocato poteva e doveva fare meglio!! comunque sia ovvio che avere badelj è meglio che non averlo.

  9. se la speranza è uno che quando va forte fa gli 0,2 all ora stiamo freschi . io rimpiango marcos alonso altro che

  10. Ma? Se ci dobbiamo rinfidare in Bdely, aime come siamo messi?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*