Questo sito contribuisce alla audience di

Uno chef al Franchi per ogni partita. Cognigni: “Felici che il nostro stadio sia il primo ad ospitare progetto simile”

Grazie all’accordo di Infront con JRE – Jeunes Restaurateurs – arriva all’Artemio Franchi un nuovo modo di vivere lo stadio, attraverso la qualità del cibo come elemento di socializzazione, accoglienza e rispetto dell’avversario Milano/Firenze, 25 agosto 2017 – Parte con la prima partita casalinga dei Viola la nuova iniziativa che, grazie all’accordo tra Infront Sports & Media – partner marketing di ACF Fiorentina – e JRE, vedrà 19 tra i miglior Chef JRE italiani cimentarsi con la creazione di un piatto tradizionale della Regione della squadra ospite, che verrà servito in tutte le aree hospitality dello Stadio Artemio Franchi. Il progetto è pensato per innovare il modo di vivere lo stadio, creando un connubio fra passione per il calcio e per il cibo, inteso come elemento di coesione e di stimolo alla convivialità. Grazie infatti alle competenze internazionali maturate da Infront in molti sport, dove l’evento sportivo è solo uno dei driver della partecipazione all’evento stesso, prende il via da Firenze un progetto pensato proprio per offrire al pubblico iniziative che innalzino la qualità dell’esperienza stadio e forniscano un messaggio di socializzazione, divertimento e attenzione nei confronti dell’avversario. “Abbiamo deciso di inaugurare questo progetto con ACF Fiorentina – ha dichiarato Luigi De Siervo, Amministratore Delegato di Infront Italy – perché riteniamo che Firenze abbia una tradizione di rispetto dell’avversario molto spiccata, che ben si sposa con iniziative che fanno dell’attenzione al proprio ospite la sua cifra distintiva. “Sono molto felice che il nostro Stadio sia il primo ad ospitare un progetto simile. Accogliamo quindi con estremo piacere questa iniziativa che crea occasioni di condivisione intorno alle partite della Fiorentina e che valorizza il talento di giovani professionisti dell’arte culinaria italiana: un patrimonio di competenza e di passione che senz’altro troverà nelle nostre aree ospitalità un degno palcoscenico e il gradimento di un pubblico attento come il nostro” ha commentato Mario Cognigni, Presidente Esecutivo di ACF Fiorentina. “La passione per la cucina e la passione per lo sport. Esiste una linea continua che unisce il vivere e l’essere di ciascun Jeune Restaurateur. – ha commentato Luca Marchini, Presidente JRE Italia – Un cammino ricco di storia, tradizione e conoscenza, che ci rigenera di continuo, che stimola in noi nuove intuizioni, che ci spinge a considerare e a interpretare il cibo in modo ogni volta diverso. In tale prospettiva il nostro successo è il risultato dei nostri progetti realizzati, dei momenti di condivisione culturale, di ogni idea costruttiva, di ogni miglioramento. E ancora, fonte della forza dei JRE, intesi come associazione, è la continua spinta a raffinare e affinare quella sensibilità tecnica, gustativa ma anche ricettiva che il mestiere di chef richiede. Tutto questo significa che la Cucina – volutamente con la C maiuscola – è un’arte, una disciplina ricca di valori da salvaguardare e da promuovere con un fervore e una dedizione continui, con un’immancabile attenzione a fare il meglio, proprio come una grande squadra di calcio. Oggi siamo chiamati ad un grande appuntamento di serie A. Siamo onorati di questa nuova sfida e fieri di diffondere la qualità della nostra cucina in questo nuovo grande progetto, in collaborazione con Infront e ACF Fiorentina“. Si parte domenica 27 in occasione di Fiorentina – Sampdoria con lo Chef Andrea Sarri del Ristorante Sarri di Imperia, che preparerà il suo piatto più quotato: raviolini del plin ripieni di pesto, su zuppetta di pomodori freschi e cenere di olive taggiasche. Un omaggio alla tradizione ligure e ai prodotti della sua terra. Gli Chef di JRE saranno supportati da un punto di vista logistico e operativo da Galateo, fornitore ufficiale di ACF Fiorentina per tutte le aree ospitalità dell’Artemio Franchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

35 commenti

  1. Vedere un personaggio che parla d’altro vergognandosi della miseria calcistica che propone agli abbonati, quelli si che ancora non hanno capito che siamo al disfacimento ed in vendita da tempo. Forse penserà che nel futuro al posto dello stadio vi sarà un immenso ristorante e che le partite di seri A le vedremo su maxichermo ma delle altre società. Ma vatti a nascondere, abbiampo capito tutto, non ci freghi più.

  2. Questi invece di pensare a fate una squadra decente pensano solo alle puttanate! De’ La Valle fuori dalle Palle voi e tutti questi che ci avete portato

  3. Io al cesso ho un poster di Cognigni con la scritta ” Plusvalenza alè alè”, quando sei stitico fa miracoli, provatelo.

  4. Alessandro, Toscana

    Ardito è proprio Lesionato, speriamo qualcuno finisca il lavoro della seconda guerra…… così ce lo leviamo di torno…. qualche partigiano ancora vivo c’è?

  5. Hai sbagliato a scrivere il mio nome…leggi e scrivi meglio. Si scrive ETPETALASNA!!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*