Valnegri: “Monchi è l’oro di Siviglia e l’ambiente è infuocato. La Fiorentina punti sulla velocità di Salah e la furia Joaquin”

Opinioni dalla Spagna con il giornalista di Radio Kanal Barcelona Alain Valnegri, per altro tifoso viola, che a Lady Radio parla di Siviglia e dell’immagine che la Fiorentina si è costruita in terra iberica: “Il Siviglia è una squadra che ha dietro una società molto seria, ha il ds più bravo che c’è in Spagna, Monchi, una società che fa tante plusvalenze, in panchina siede Emery, un allenatore secondo me sottovalutato che ha passato 4 anni a Valencia, ogni anno gli vendevano i migliori ed arrivava sempre in Champions. A Siviglia ha vinto l’Europa League l’anno scorso e sta lottando per arrivare in Champions, ha una rosa abbastanza lunga, che gli permette di giocarsi le sue opportunità sia in Liga che in Europa League. Ambiente? Incandescente, sono stato tante volte a vedere anche il derby. Il fatto che troveranno Joaquin contro aumenterà questo clima; penso che sia uno degli stadi più caldi e passionali della Spagna. Paragonabile forse anche a Firenze, dove la squadra ospite avverte subito l’ostilità quando arriva in campo. Paragoni tra le due? Si potrebbero comparare le squadre a livello contemporaneo, il Siviglia con Monchi ha trovato l’oro. Negli anni ’90 però ha passato tante stagioni in Serie B, è ripartito con il vivaio e con Monchi da ds e con lui ha cominciato ad avere un nuovo statuto. Sono paragonabili come ambizioni ad inizio stagione, loro hanno venduto Rakitic che era un calciatore fondamentale, era leader e capitano. La gente era molto scettica con il Siviglia, non si sapeva se Bacca avrebbe avuto lo stesso rendimento dell’anno scorso, la piazza con Emery è sempre abbastanza dura. Pecezione della Fiorentina? In Spagna è percepita come una squadra assolutamente spagnola, hanno l’idea del catenaccio italiano anni ’80 e l’opinione è che la Fiorentina sia una di quelle che invece non lo fa. Il vero vantaggio dei viola è quello di giocarsi il ritorno al “Franchi” perché il Siviglia fuori casa ha avuto tanti problemi. Oltretutto l’assenza di Parejo è pesante perché senza di lui la squadra di Emery ha avuto sempre tanti problemi, lo stesso Zenit per altro, con un po’ di cinismo, avrebbe anche meritato di passare il turno. Favori del pronostico? Non vedo così favorito il Siviglia come dicono quasi tutti, Joaquin sarà motivatissimo, possono soffrire le ripartenze e la velocità di Salah. Joaquin a livello personale non ha vinto tanti derby perché ha vissuto un periodo difficile del Betis e trova il nemico nel suo momento storico migliore. Fiorentina nella Liga? Se la giocherebbe con il Valencia ed il Siviglia, a ridosso della zona Champions ma già con la qualificazione in Europa League assicurata”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA