Vecino e i suoi tentacoli

Era all’esordio ieri Matias Vecino, in una posizione insolita per lui che era stato cresciuto da Sarri in qualità di mezzala ad Empoli. Davanti alla difesa l’uruguaiano ha sfruttato la sua fisicità ed i suoi centimetri per imporsi sui ritmi della partita: piuttosto arrembante palla al piede ma soprattutto molto presente in fase di interdizione, con diversi palloni recuperati. In particolare hanno colpito un paio di palloni letteralmente arpionati e strappati dai piedi dei vari Rincon e Tino Costa, i suoi dirimpettai, grazie alle sue gambe lunghe, quasi tentacolari. Novanta minuti di grande sostanza ed una risorsa ulteriore per il centrocampo viola: una bella risposta per uno sul quale la Fiorentina ha deciso di puntare forte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. Si vede lontano un miglio che Suarez non è ancora in forma, se poi ci aggiungi un campionato nuovo si capisce subito che ora è un pesce fuor d’acqua, ma questo è indiscutibilmente un talento.

  2. Fa piacere che il ragazzo sia cresciuto così. Due anni fa sembrava stare in campo come portato dalla piena. Dopo un anno che ha giocato, seppure in un ruolo diverso da quello dove lo vuole Sousa, ha tenuto

  3. Quanto descritto nell’articolo per Vecino e che condivido questo SUAREZ proprio non lo è,infatti girovaga a centrocampo senza contrastare anche prendendo qualche ammonizione alla Badelj, col Genoa oscillava da dx a sx davanti alla difesa sednza mai contrastare nè prendere palla. Attento Sousa a non dipendere dalla personalità o permalosità del calciatore se non gioca anche se si chiama Suarez e viene dall’Atletico Madrid che se l’ha ceduto forse qualche problema Simeone deve avere intravvisto.

  4. Diventera’ un top player.

  5. Bravissimo Vecino!!!!!!!!

  6. Onore a Pantaleo che ci permetterà anche questa sostanziosa plusvalenza (Rogg dicit)!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*