Questo sito contribuisce alla audience di

Ventura: “Complimenti alla Fiorentina, ha onorato la partita al di là di tutte le chiacchiere che circolavano”

E’ affranto, ma anche orgoglioso per la stagione fatta dal Torino, l’allenatore Giampiero Ventura: “Credo che faccia parte del dna del tifoso granata soffrire. Credo che sia stata un’annata importante e abbiamo perso l’occasione di andare in Europa col pareggio di domenica scorsa e sbagliando un rigore stasera. Abbiamo esportato l’immagine di una squadra che gioca e abbiamo mandato tanti giocatori nelle nazionali. Ho visto piangere Baggio e Baresi, fa parte del calcio vedere piangere in campo. Cerci deve essere più che soddisfatto di avere fatto un campionato straordinario. I rigori si possono sbagliare e complimenti alla Fiorentina che ha onorato la partita al di là di tutte le chiacchiere che circolavano”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Abbiamo rischiato un’inchiesta, ma quando mai si prendono 6 gol da toro e sassuolo in 2 gare?! dovevano essere 6 punti!Ci vuole sempre mentalità vincente! Ovvio che non esiste nulla di penalmente rilevante perché non ci sono soldi in ballo ovviamente, ma abbiamo fatto errori in modo molto discutibile! Chi tifava toro ieri si deve vergognare! Nel 2008 a noi non ci regalarono nulla!

  2. enrico (il saluzzese)

    Sono d’accordo con KEO!! Il problema è che Cerci ha sbagliato na roba da tagliarsi i ********. I nostri sul pareggio del toro l’hanno fatta in modo che anche un cretino se ne sarebbe accorto!!

  3. Publio Ovidio Nasone

    Beh non avete giocato bene, abbiamo fatto più tiri in porta noi che eravamo distratti.
    Siete riusciti a far arrabbiare Cuadrado che vi ha castigato.
    Per come avete giocato è troppo anche il pareggio.

  4. non era un biscotto, era un ciambellone. A parte le simpatie tra Torino e le altre abbiamo rischiato un’inchiesta penale; se le porcate (o piaceri che dir si voglia) non si sanno fare, meglio non farle. E poi Cognigni fa il puritano se Montella parla oggi invece che domani?
    Ma andate tutti alle cascine.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*