Venturati: “Jovetic il più resistente in viola, Kroldrup e Jorgensen precisissimi. Che ricordi ad Anfield con Prandelli…”

Dopo tanti anni al fianco di Cesare Prandelli, ovviamente anche a Firenze, Giambattista Venturati ha deciso di separarsi dal tecnico bresciano ma ha ricordato alcune tappe della sua carriera al sito ufficiale di Gianluca Di Marzio: “Ho lavorato fianco a fianco con Cesare per 17 anni, come preparatore. E’ stata un’esperienza fantastica, sarò sempre grato a Cesare, ma credo sia normale che dopo tanti anni nello stesso staff potessero venir meno certi stimoli. I giocatori che mi hanno stupito di più? Non nego che Adriano fosse impressionante, straripante, devastante. Quando stava bene aveva pure consolidato la soglia anaerobica, raggiunto un mix straordinario. Anche Ighli Vannucchi mi ha sorpreso a Venezia. Lo Jovetic di Firenze mi ha dimostrato grandi valori sulla resistenza, all’epoca era nettamente superiore ai compagni di reparto. Poi Falsini, Toni, Mutu! Chiellini è un professionista maniacale, getta il cuore oltre l’ostacolo sempre. I due nordici Kroldrup e Jorgensen erano precisissimi. La soddisfazione più grande? La Nazionale chiaramente. Ricordo con piacere anche la vittoria della nostra Fiorentina ad Anfield, contro il Liverpool di Benitez”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA