Questo sito contribuisce alla audience di

Veretout: “Forse non dovevo dare la parola al St. Etienne ma chi se lo immaginava che mi avrebbe chiamato la Fiorentina”

Jordan Veretout, centrocampista dell'Aston Villa

Dopo il gol al Bernabeu, il centrocampista viola Jordan Veretout ha parlato a L’Equipe, tornando sul dissidio di mercato che lo vide lasciare il St. Etienne per scegliere la Fiorentina: “Potrei aver sbagliato in questa storia: avevo dato sì la mia parola, ma non mi sarei mai immaginato che da lì a poche ore mi avrebbe chiamato la Fiorentina. Non sono un irrispettoso: prima di prendere la decisione ci ho pensato tanto. Non ho mancato di rispetto all’ASSE (il St. Etienne ndr): so quello che gli devo per avermi accolto così l’anno scorso. Li ringrazio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Ora sei qui e come sei felice te di esserci, siamo contenti noi. Grinta determinazione e dare il massimo. Il tiro ce l’hai ed è una caratteristica da sfruttare.

  2. L’importante che tu sia venuto qui … il resto è noia…grande acquisto…. però ora Corvo comprarci un attaccante nn si può iniziare il campionato con il Baba e il Cholo se uno ha un problema….. che fo’ entro io …..💜💜💜💜

  3. X viola di rabbia

    Anche Alonso era considerato modesto, poi invece ti accorgi che le società che vogliono vincere vengono a cercare i giocatori da noi……e poi “piangiamo” perchè vanno via….
    Borja Valero e Gonzalo R. Furono presi da una squadra spagnola che era retrocessa….adesso Borja è all’inter di Spalletti che vuol tornare a vincere…..siamo un po ipocriti ammettiamolo

  4. Ma come dicevate che era un brocco? Lo rivenderemo mbè ? e state zitti sapientini dei miei ……

  5. non se lo aspettava nessuno perché sei un giocatore molto modesto ma io tuo procuratore è un amichetto di corvino quindi…..

  6. mmmmmmmmm, questo allora è un altro pronto a fare come Kakanic!!!!! il prossimo anno scappa da qualcun altro che lo chiama.

  7. Allora come la mettiamo col “mercenario”? Cari moralisti da tastiera? Abbiate più rispetto prima di giudicare Borja.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*