VIDEO: Firenze non dimentica. L’alluvione che ha sconvolto la città

4 novembre 1966 una data che resterà scolpita negli annali della storia di Firenze. Tutto questo, purtroppo, a seguito di una tragedia, la più grave nell’epoca moderna patita dal capoluogo toscano: quel giorno l’Arno ruppe gli argini e Firenze si trovò sotto una marea di acqua, fango e sangue. Per non dimenticare quello che accadde allora e nei giorni seguenti, Fiorentinanews.com ha deciso di pubblicare uno dei tanti video che fanno capire bene ciò che successe, la gravità della situazione, ma anche lo straordinario spirito dimostrato dai fiorentini e da tutti coloro i quali si mossero per rimettere in piedi la città (i famosi ‘Angeli del fango’).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Avevo sette anni, e abitavo in un seminterrato in San Frediano, perdemmo tutto e quando aprimmo la porta di casa vedendo galleggiare i mobili di casa pensai subito alla mia maglia della Viola che era rimasta nel fango, scoppiai in lacrime. Oggi da adulto ripenso a quei momenti e ancor di più amo la MIA SQUADRA,LA MIA FIRENZE E LA MIA APPARTENENZA. Questo per far capire perché noi fiorentini siamo considerati così presuntuosi dall esterno, cari giornalisti, telecronisti, non ci ha distrutto un’ evento come quello non ci distruggerete voi!!!!! FORZA VIOLA

  2. Avevo solo quattro anni ma ho un ricordo indelebile nella mente: il pianto disperato di mia nonna che aveva perso tutto ….e i pompieri che ci portavano l’acqua potabile con le autobotti. E’ un immagine che porterò con me per sempre.

  3. Pinarcampoverde

    Ero un ragazzino, ma ricordo tutto, alle 23 l’Arno e gli affluenti tracimarono, a casa mia, solo, un metro e mezzo, cielo di un colore infernale, le auto impazzite, sembravano guidate da fantasmi, ricordi…

  4. Michele da Milano

    Pur non essendo fiorentino mi viene comunque da piangere a vedere quello che successe allora. Però siete stati straordinari a riprendersi subito

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*