Questo sito contribuisce alla audience di

Virgili: “Sarri non si vergogna di tifare per la Fiorentina. L’anno scorso imprecò a lungo per la partita col Borussia…”

Della simpatia viola di Maurizio Sarri ne sapevamo già qualcosa, ad ennesima conferma ci sono anche la prole di Aurelio Virgili a Calciomercato.com, direttore della filiale in cui lavorava il tecnico del Napoli, prima di intraprendere definitivamente la carriera da allenatore: “Sarri tifa Fiorentina e non se ne vergogna, anche se, essendo nato a Napoli, tifa anche per gli azzurri. Ricordo che lo scorso anno, durante la sfida di Europa League contro il Borussia Mönchengladbach, la viola vinceva 2-0. Poi si assentò un attimo e, una volta tornato, vide che il punteggio era sul 4-2 in favore dei tedeschi. A quel punto disse una serie di imprecazioni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. E pensare che se non c era prade a quest ora poteva allenare la viola

  2. Magari venisse da noi

  3. hasta la viola.....siempre

    Non parliamo di streghe o stregata fino a domani sera

  4. Ricordioci anche come s’è vinto su in geemania.
    I tedeschi erano comunque più forti di noi.
    Poi, che si sia fatto un secondo tempo indecoroso, è un fatto.

  5. No,la sfiga ebbe inizio quando venne ingaggiato Sousa.

  6. Quella fu una partita stregata. Ancora oggi non riesco a capire, come allora, il rigore concesso ai tedeschi allo scadere del primo tempo con la Viola in vantaggio per 2-0. Nessuno lo ha capuito. nè i commentatori TV, nè gli spettatori e neanche chi guardava la TV. Fu da quel rigore che ebbe inizio la “sfiga” monumentale che si consunò poi nel secondo tempo. Una cosa mai vista e mai compresa.

  7. Troppo sanguigno per i D.V.,comunque da quest’anno il suo ingaggio lievitera’ parecchio e a meno che non arrivi babbo natale ce lo scordiamo per sempre.

  8. Ricordo che bestemmiai come poche altre volte. Quello che successe aveva dell’incredibile.
    Sarri per me e` fra i cinque migliori allenatori al mondo. A parte Guardiola e Mourinho gli altri sono italiani.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*