Questo sito contribuisce alla audience di

Altro che clausola: Pioli voleva qualcosa di più. I motivi dello sfogo del tecnico che ha spiazzato la Fiorentina

Dove andrà Stefano Pioli? Chi arriverà alla Fiorentina? Ci sono ancora margini per ricucire? E soprattutto: perché quelle parole dell’allenatore in quel preciso momento? Il tecnico, secondo la ricostruzione fatta da La Repubblica, si aspettava di discutere per tempo, insieme alla dirigenza, il suo futuro: non solo la possibilità di esercitare la clausola sulla terza stagione ma un programma con maggiori prospettive per pianificare al meglio anche le mosse di mercato. La Fiorentina, che non aveva mai nascosto la volontà di proseguire insieme a Pioli (il presidente esecutivo Cognigni aveva di fatto già ratificato la sua permanenza) nonostante una classifica che può essere migliore del decimo posto attuale, sperava di poterne discutere privatamente. Un incontro che però il tecnico si aspettava avvenisse ben prima di metà marzo. Da qui le sue dichiarazioni, la reazione della società e una situazione che Pioli dovrà riprendere saldamente nelle sue mani per ristabilire serenità nell’ambiente e concentrare tutte le energie possibili sui prossimi due mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

9 commenti

  1. lo sfogo lo fai se sei quarto o quinto e senza buttare la semifinale di andata (hai un giorno meno di riposo e giochi con i titolari, gia stremati, da chiesa a veretout), la partita dell’anno…. x una società che non vince nulla da decenni…
    Per qual motivo si dovrebbe rinnovare a un allenatore che è decimo, senza gioco, senza giovani, che non vince nemmeno con il Frosinone??? Abbiamo vinto solo con Chievo e Spal e non proprio meritatamente, con un gran gioco… Per non parlare dell’inter… Ma per me dopo l’andata con l’atalanta, Pioli non merita il rinnovo, punto e basta (a meno di una vittoria a bergamo….)
    E poi dovevi impuntanti con Corvino x rinnovare a Badelj (bastava un’offerta da 1,7ml) o a gennaio prendere un regista, non traorè a giugno…
    E di Gerson vogliamo parlare? Risparmiavi i soldi di Lafont e norgard e prendevi un regista (sensi x 10/15 ml ad agosto). Ma noi non programmiamo…
    Ovviamente le colpe di Corvino e della società sono notevolmente superiori e come ogni volta il capro espiatorio sarà l’allenatore…, che xò ci ha messo del suo…
    Leggo di Sarri o Di Francesco….
    Arriverà un Maran, un Semplici o un Donadoni….

  2. Belvaumana…ho specificato nel commento che PIOLI non è esente da colpe…un saluto…FV

  3. Ricostruzione verosimile Re leone. E Pioli con la mediocre posizione di classifica non c’entra niente?

  4. Non penso che PIOLI si sia presentato dalla proprietà a fare richieste particolari od onerose per il futuro…Non è nel suo carattere…penso invece che il corvo e cognini per nascondere la mediocre classifica derivata dal loro lavoro abbiano addossato le colpe quasi esclusivamente al lavoro di PIOLI…che non è sicuramente esente da colpe…DDV invece non si è neanche interessato alla vicenda…a lui interessa solo che escono 2 euro e ne entrano 3…FV

  5. Magari Pioli non ha apprezzato il comportamento della società.
    Magari qualcuno non ha apprezzato il decimo posto con Chiesa e Muriel in rosa.
    Finché con l’alibi di Simeone che non segnava, Pioli ha potuto giocare di conserva galleggiando tra un pareggio e l’altro, a lui andava bene. Quando con l’arrivo del colombiano è stato «costretto» a puntare gli obiettivi, sono emersi tutti gli squilibri del suo sistema di gioco

  6. Questo é successo perché la società viola non conosce la parola programmazione. Le cose vengono fatte sempre alla viva il parroco è le conseguenze sono che la Fiorentina da quando ci sono i fratellini non ha mai vinto una beneamata……

  7. Quando “Antani” non è parte di una supercazzola, ma il protagonista di un discorso chiaro, di una chiarezza ed efficacia spietata, esemplare; applausi; se i Della Valle fossero pane, comunque, non ne mangerei.

  8. Non si sa come stanno le cose, difficile giudicare, ma una cosa si può dire, che questa società qualcosa di sbagliato lo fa se ogni volta si ripetono casi come questo. Prima Prandelli, poi Montella, Sousa… Per non parlare dei rinnovi e chiusure dei rapporti coi vari giocatori da Savio a Zaniolo. Questi sono errori oggettivi, possono anche finire i rapporti è normale, ma vanno saputi gestire. Poi fanno pure i permalosi se li critichi e danno la colpa ai tifosi che non capiscono il “progetto”. Come se vo dal panettiere e il pane fa schifo e danno la colpa al cliente, invece di preoccuparsi che lo compri. Infondo non siamo clienti e il cliente ha sempre ragione no?

  9. Aristarco Scannabue

    Solo una notazione. Pioli poteva tranquillamente comunicare in confidenza alla società che in questa situazione non intendeva restare: se lo ha fatto pubblicamente si vede che lo hanno fatto incavolare e visto il soggetto devono essercisi messi d’impegno.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.