Questo sito contribuisce alla audience di

BADELJ, ORA PUOI SCRIVERLO TU IL FINALE PERFETTO!

La morte di Davide Astori ha cambiato radicalmente le cose all’interno della Fiorentina. Quello che ieri era in un modo oggi non lo è più, a cominciare dal fatto che la normalità è andata letteralmente a farsi benedire. E allora ecco rispuntare i Della Valle a Firenze e allo stadio dopo tanto tempo. Ecco i giocatori della Juventus applauditi dai tifosi viola al funerale del giocatore e altri eventi assolutamente straordinari generati da un evento del genere. Ecco Vitor Hugo, sostituto di Astori, decidere la partita con il Benevento.

Adesso manca solo un tassello per scrivere il finale perfetto di una vicenda che è stata dirompente. Questo tassello è il rinnovo contrattuale di Milan Badelj. Il croato si è preso sulle proprie spalle l’eredità lasciata da Astori ed è diventato il nuovo capitano della squadra. Ha letto la lettera a nome di tutti i compagni in chiesa durante i funerali del compagno ed è scoppiato in lacrime al termine della partita contro il Benevento sopraffatto dalla commozione per la scomparsa di Davide. Ecco, se fino a prima di domenica 4 marzo eravamo certi del fatto che Badelj se ne sarebbe andato via in scadenza di contratto, adesso una piccola speranza che il finale della storia non sia già stato scritto, vogliamo alimentarla. Vogliamo sperare che una volta i sentimenti, il fatto di poter essere guida e protagonista a Firenze, possano soppiantare interessi economici e anche, in parte tecnici, come la voglia di giocare la Champions League.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

13 commenti

  1. Il cordoglio e il rispetto sono una cosa, la vita professionale è un’altra. Badelij la sua scelta l’ha fatta da tempo. Possiamo fare capitano Gaspar, tanto lui non lo vogliono di certo.

  2. A livello d’immagine ed affettivo sarei contento che restasse perché avendo scoperto doti umane di questo giocatore sarebbe una risorsa specie per lo spogliatoio, invece a livello tecnico se decidesse di andarsene non credo che creerebbe dei grossi problemi alla squadra essendo un giocatore che non ha più da dare un granché, io la vedo così.

  3. Pio Canti Senefreghetti

    È difficile perche tolto il momento attuale con tutta questa commozione ,l’affetto dei tifosi,l’atmosfera creata intorno all’amico al compagno al capitano scomparso ,che ti imporrebbe riconoscenza e affetto verso tutto è tutti ,ma poi ci sara il ritorno alla normalità agli’interessi alla carriera ai risvolti economici probabilmente a promesse già fatte o scritte ,per cercare avventure sempre piu importanti e di un livello piumalto che purtroppo la Fiorentina attuale non puo dare a giocatori con piu ambizioni che quelle di partecipare solamente .

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.