Questo sito contribuisce alla audience di

Benedetto Ferrara: “Quando la Fiorentina si è trovata clamorosamente prima in classifica c’è chi si è subito affrettato a nascondere il portafogli…”

Il giornalista de La Repubblica Benedetto Ferrara ha analizzato così sul quotidiano il momento viola: “La domanda è: cosa serve per essere vincenti, oltre a un monte ingaggi superiore e giocatori di qualità? La risposta si chiama: mentalità, quella di chi si allena per vincere, gioca per vincere, vive per vincere. Siccome un po’ di sano realismo non deve mai mancare, è giusto specificare che non ci riferiamo a improbabili scudetti nell’immediato, anche perché quando la Fiorentina si è trovata clamorosamente in testa alla classifica c’è chi si è subito affrettato a nascondere il portafogli. Ma che ci si riferisca a una Coppa Italia ( una finale recente) o a una Coppa Europea ( due semifinali in pochi anni), la mentalità vincente la devi aver costruita nel tempo e fatta tua. Un marchio di fabbrica della società a cui tutti si devono adeguare. E la premessa è questa: nello spogliatoio della Fiorentina nessuno ha ancora vinto niente, se si escludono trofei giovanili, il più prezioso dei quali è il mondiale Under 20 ( non poca cosa) conquistato da Jordan Veretout con la sua Francia. È chiaro che sia così, vista la linea verde seguita dalla società. Ma poi? Perché un dubbio diventa inevitabile. Se hai un progetto giovani e poi sei costretto a vendere quelli forti per finanziare il mercato, quando crescerai? La risposta c’è, ed è abbastanza logica: il segreto è di avere la forza per tenere quelli davvero bravi almeno tre o quattro anni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. almeno loro un portafogli ce l’hanno, i più,a firenze, ne sono sprovvisti

  2. S69 ti ricordo che quello che ci ha fruttato 40 mln nell’ultimo anno di Montella era titolare fisso sia in campionato che in Europa League segnando anche diversi gol. Per quello che riguarda Chiesa che fosse un predestinato lo avrebbe capito anche il Cucco. Quello che ci lasciò Sousa fu una squadra allo sfascio dove tutti i migliori vollero andare via. La società è dovuta ripartire da zero con nuovi giocatori e un nuovo allenatore che se non altro è una persona seria e professionale.

  3. MA SEMPRE A METTERE ZIZZANIA, GODIAMOCI IL PRESENTE E POI SI VEDRÀ, 😤TANTO NON CI RIUSCIRETE 😤

  4. Sousa dovrebbe essere venerato dalla gente come Robiossigeno: ha lanciato uno che ti ha già fruttato 40 milioni e tirato fuori dal cilindro Federico Chiesa che sarà la prossima megaplusvalenza.
    Un po di gratitudine dovreste dimostrargliela.

  5. Robiossigeno, tu sei in malafede, qua non si tratta di acquistare Mammana o Lisandro, una Società seria, essendo in cima alla classifica, rinforzava la squadra: Tino Costa, Kone’ e Benalouane tu li chiami rinforzi? Poi, visto che Sousa, come detto da Cognigni, era inviso da molto tempo a Proprietà e dirigenza, perché non è stato licenziato prima della scadenza del contratto? Te lo dico io: perché non volevano pagare un altro allenatore.

  6. IMMENSO B.FERRARA…OVVIO CHE A QUALCUNO LA VERITÀ FA MALE MA COSÌ È…FV

  7. Ferrara, non dire stupidaggini!!!Ancora con questa storia,solo i grulli credono agli asini volanti.Quella specie di stregone portoghese vi ha fatto il lavaggio del cervello…… “Datemi Mammana o Lisandro Lopez e conquistero’ il mondo”. Dal quinto posto del primo anno all’ottavo del secondo con una signora squadra:per fortunata che scadde il contratto altrimenti ci mandava in serie b.Svegliatevi.

  8. Questi il portafogli lo lasciano direttamente a casa, così poi, quando vanno al bar, dicono ai loro collaboratori di pagare, come faceva Craxi con Intini.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.