Questo sito contribuisce alla audience di

Bertola a FN: “Onoreremo la memoria di Astori anche noi del Toro, un momento di toccante riflessione. Incredibile gesto della Juventus”

Dopo aver affrontato il Benevento, la Fiorentina va a far visita al Torino. E’ questa la prima partita esterna dopo la morte di Davide Astori, in casa per giunta di una squadra, la cui tifoseria è gemellata con quella viola. Da 40 anni. Come verrà accolta la squadra di Pioli? Ci sarà un particolare ricordo del difensore gigliato? Tutte domande che Fiorentinanews.com ha rivolto all’ex presidente dell’Associazione Unione Club Granata, Paolo Bertola.

Come è stata presa a Torino la morte di Astori?

“Credo che sia stato un brutto colpo per tutto il mondo del calcio. Anche per il Torino e tutti i suoi tifosi, visto anche il gemellaggio che c’è ormai da tempo tra la tifoseria granata e quella viola, è stato un momento di toccante riflessione, vista anche la genuinità e la giovane età del ragazzo”.

Domenica ci saranno o meno coreografie all’Olimpico in memoria di Astori?

“Posso dire che circola la possibilità di uno sciopero del tifo da parte dei sostenitori del Toro. Si parla di una sorta di “silenzio del tifo” che i tifosi vorrebbero attuare civilmente contro la società. A Torino adesso la situazione è bollente, la squadra non sta andando bene rispetto alle aspettative di inizio stagione e all’interno della tifoseria ci sono molti malumori in merito. Naturalmente la situazione interna al Toro non influisce anche sul resto e quindi credo che sicuramente verrà fatto qualcosa per ricordare l’uomo che era Davide Astori”.

Come valuta il gesto dei vostri ‘cugini’ bianconeri che hanno fatto di tutto pur di essere presenti al funerale di Astori?

“Sicuramente è stato un bel gesto quello dei giocatori della Juventus. Se si pensa che dopo la grande vittoria sul Tottenham, Buffon e alcuni suoi compagni, pur non avendo un apposito volo di linea, si sono pagati di tasca loro un volo per presenziare al funerale di Davide. Quando succedono cose del genere, sono fatti che vanno oltre a concetti come il tifo o la rivalità. Nella valutazione di gesti del genere occorre usare la testa: è una incredibile dimostrazione che va al di là dei colori e degli antagonisti storici”.

Come vede il finale di stagione di Fiorentina e Torino?

“Per quanto riguarda il Toro, prevedo un finale di stagione abbastanza brutto. La squadra, ormai priva di obiettivi già a metà Marzo, credo che abbia già mollato anche a livello mentale. Al contrario invece c’è la Fiorentina che, visto anche tutto ciò che è successo nelle ultime due settimane, può fare un buon finale di stagione. Dopo la prematura scomparsa del compagno di squadra e Capitano Astori, credo che i giocatori possano trovare gli stimoli giusti per far bene. Giocheranno per lui. Ammiro molto personalmente Pioli: è un motivatore molto preparato a livello tecnico tattico, saprà sicuramente toccare le corde per stimolare i giocatori ad andare in campo per dare il massimo. Credo che questa sarà l’arma in più della Fiorentina di qui a fine campionato”.

Un pronostico per la sfida di domenica?

“Da tifoso del Toro e simpatizzante per la Fiorentina, mi auguro che finisca in pareggio, così che entrambe le squadre usciranno contente. Il Toro in realtà dovrebbe tornare a vincere ma, visto come i granata stanno giocando e tenuto conto anche del buon periodo di forma della Fiorentina, credo che il pareggio accontenterebbe tutt’e due le squadre”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. L’importante oltre al silenzio del tifo sarà il solito clima di fratellanza ed unione sugli spalti…TORINO E’ STATA E RESTERA’ GRANATA.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.