Questo sito contribuisce alla audience di

Bucchioni: “Difficile che in trasferta la Fiorentina abbia la testa e le gambe per concentrarsi soltanto sulla gara. Ma a Torino…”

Il giornalista Enzo Bucchioni ha analizzato a Torinogranata.it quella che potrà essere la gara di oggi tra i granata e la Fiorentina, alla loro prima trasferta senza il compianto capitano Davide Astori: “La Fiorentina sta andando avanti step by step e partita dopo partita riuscirà a capire se avrà metabolizzato questo lutto e se riuscirà a superarlo in qualche modo tornando a fare quello che faceva prima. Sappiamo che in queste situazioni è difficilissimo, ciascuno di noi può mettersi nei panni della Fiorentina perché a tutti è capitato di dover affrontare situazioni come questa e di conseguenza ci rendiamo conto quanto possa essere devastante ciò che è accaduto, tanto più che i compagni di Davide hanno avuto lo shock di trovare il compagno deceduto nella camera d’albergo dove si svolgeva il ritiro. Domenica scorsa nella prima partita quando si è tornati a giocare c’erano allo stadio Artemio Franchi trentacinquemila persone che in qualche modo hanno sorretto la squadra e l’hanno accompagnata in questo rientro, ma ora c’è la solitudine di una partita in trasferta, anche se a Torino la Fiorentina troverà un ambiente che l’accoglierà nel migliore dei modi grazie al gemellaggio che c’è tra le due tifoserie. I tifosi granata saranno sicuramente straordinari e, infatti, sono già previste delle commemorazioni prima dell’inizio della gara: però poi c’è la partita da giocare e non so se la Fiorentina avrà la testa e le gambe per scendere in campo concentrandosi solo ed esclusivamente sulla gara. Non ci sono dubbi che Astori vorrebbe la reazione da parte della sua squadra per provare ancora a c’entrare l’obiettivo dell’Europa League. I ragazzi ci proveranno, ma la squadra è molto giovane e vedremo che cosa succederà in campo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Testa solo sulla gara senza scuse come vorrebbe il Capitano. Niente alibi, siamo in corsa per l’Europa e non possiamo sbagliare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*