C’è l’impennata: La Fiorentina sfonda il muro dei 60 milioni

Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com©

Il monte ingaggi della Fiorentina continua a salire e sfonda il muro dei 60 milioni di euro lordi (60,6 milioni di euro per la precisione). Questo stando alle cifre riportate da La Nazione. C’è un aumento rispetto ai 58 milioni di euro della scorsa stagione e siamo ad un livello record almeno guardando l’ultimo decennio.

Grazie al rinnovo contrattuale appena firmato, è Milenkovic a salire in vetta alla classifica dei giocatori che guadagnano di più con 2,5 milioni di euro netti (5 milioni circa lordi). Ma pesanti sono anche i contratti di Callejon (2,2 milioni di euro netti), Gonzalez, Torreira, Kokorin e Amrabat (quest’ultimi attestati sugli 1,8 milioni di euro netti).

E Vlahovic non ha ancora rinnovato il proprio accordo col club viola, altrimenti ci sarebbe stata un’ulteriore, importante, impennata.

Guarda i commenti (4)

  • Carissimo, hai ragione quando dici che le squadre blasonate hanno parecchi debiti però non fare tutto d'un erba un fascio,ci sono società di serie A che sono in alta classifica e debiti NON NE HANNO ANZI+++ ma x quanto riguarda le blasonate nessuno fa niente per farle rientrare di conseguenza avanti così,anzi peggiorano il debito e secondo me non rientreranno MAI! Poi si penalizza solo ed esclusivamente il Chievo,mentre a club blasonati si spalmato i debiti in tot anni.Il calcio italiano in questo senso è marcio perché se fosse un azienda privata sarebbe fallita da parecchi anni.

  • Questa società regala 10 mln di euro a due ex calciatori, ovvero Kokorin e Callejon, e spende, sempre di ingaggio, quasi 18 ml per tre difensori.......Evviva l'incompetenza!

  • Se pensiamo che il secondo e il terzo in classifica sono totalmente inutili per questa squadra (e per il gioco del calcio ormai, temo) e che uno di questa top 5 è partito per ora solo dalla panchina (Amrabat), si capisce quanti margini di crescita avrebbe la Fiorentina con una dirigenza composta da normodotati.

Articoli correlati