Questo sito contribuisce alla audience di

Confronto Pioli-giocatori ed emerge un’indicazione importante. Il NO allo psicologo

Il tecnico della Fiorentina, Stefano Pioli, ha parlato a lungo coi suoi giocatori e li ha ascoltati. Dal confronto è uscita una indicazione ben precisa, tutti hanno chiesto una sola cosa: normalità. Che non significa fare finta di niente, cosa impossibile, ma non cambiare una virgola del lavoro e dei riti della vita di gruppo. La squadra vuole vivere come ha sempre vissuto, sfidare la nostalgia del capitano facendo quello che piaceva fare a lui, uno che cercava sempre di motivare tutti a dare il meglio in allenamento. E’ quello che scrive stamani La Repubblica.

Intanto la società, confrontandosi con Pioli, ha deciso per il momento di non assumere uno psicologo che lavorasse a fianco della squadra. Per ora non c’è bisogno perché il gruppo ha voglia di rialzarsi da solo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Andare avanti non significa dimenticarsi di Davide, significa volersi rialzare come lui avrebbe voluto. Dare il massimo in allenamento e in partita come lui voleva, farlo anche per lui. La parola normalità mi sembra quella più giusta. Testa al campo e al lavoro da grandi professionisti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.