Questo sito contribuisce alla audience di

Da Renzi a Totaro: Appello bipartisan per la (ri)nascita del Viola Club in Parlamento

Da sinistra, gli esponenti politici Matteo Renzi e Luca Lotti

Dall’ex premier e segretario PD Matteo Renzi ad Achille Totaro di Fratelli d’Italia, da Manuel Vescovi capo toscano della Lega a Stefano Mugnai coordinatore regionale di Forza Italia e Gabriele Toccafondi di Civica Popolare, sono in diversi e di tutti gli schieramenti i politici che hanno firmato insieme nei giorni scorsi una lettera bipartisan per rilanciare il Viola Club in Parlamento.

Ne parla stamani La Repubblica che specifica come sia nato nel 2008 e abbia conosciuto alterne fortune: il boom e poi il declino, nuova vitalità nel periodo a Montecitorio di Dario Nardella e infine ancora l’oblio negli ultimi anni, mentre invece il Milan e soprattutto la Juventus dominano ormai incontrastati tra cene altolocate e “tesserati” d’eccellenza, da Monti a Galliani (rossoneri), dalla presidente del Senato Casellati a Boccia del Pd (bianconeri).

Per questo motivo Toccafondi si è rifatto avanti coi colleghi per chiedere una mano a rivitalizzare il club. Ne è nata una lettera comune, rivolta a tutta la Camera e il Senato, nella quale si legge: “Il viola club prosegue la sua attività con l’obiettivo di promuovere e intensificare i rapporti tra tifosi e sostenitori della Fiorentina in Parlamento…Vi preghiamo di aderire compilando il modulo allegato in modo da poter convocare in tempi brevi un primo momento conviviale e una prima assemblea dei fans. Forza viola!”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Mi risulta che sia viola anche l’ex ministro Orlando, benché sia spezzino di origine

  2. Questa Banda Bassotti dovrebbero fare il Club Viola Solliciano. Il tragico c’è ancora cho ci crede.

  3. Supercannabilover

    Daspo subito a tutti

  4. Michele da Milano

    Non hanno nulla di meglio da fare?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.