Questo sito contribuisce alla audience di

DE PAUL PER ORA IMPOSSIBILE MA FREITAS CERCA IL NOME GROSSO PER LA TREQUARTI. SE PARTE UN BIG CORVINO HA GIA’ OTTIMI COLPI IN CANNA

Diciamo che il mercato della Fiorentina si è complicato. Soprattutto per chi si era illuso che potessero arrivare a Firenze giocatori di prima fascia. Berardi, El Shaarawy, tanto per fare alcuni nomi. Niente di vero, fantomatiche offerte viola mai giunte al mittente. Forse messe in giro proprio per scatenare aste, giochini al rialzo, che non interessano i gigliati. Certo, Corvino ci ha provato, e magari ci proverà ancora a fare sondaggi anche su calciatori importanti. Ma difficilmente con il budget a disposizione (dieci milioni di euro, se tutti i big come promesso rimarranno), riuscirà a strappare prestiti con diritti di riscatto. In un mercato dove, con pochi ‘colpi’ da fare, ogni società cerca soprattutto di monetizzare.

Per lo stesso De Paul, giocatore dell’Udinese, i bianconeri chiedono dieci milioni di euro più bonus per vederlo partire. Per questo la trattativa è pressoché impossibile, almeno al momento. Dopo essersi visti bruciati dall’Atalanta per Pasalic, Corvino e Freitas cercheranno alternative a basso costo. Occasioni, prestiti con diritti di riscatto (non obbligo), un mercato virtuoso per dirlo con le parole dei dirigenti gigliati. Forse, un colpo di nome, arriverà proprio sulla trequarti se ci saranno le condizioni giuste. Non è un mistero che Freitas stia guardando nuovamente alla Francia e al Nord Europa.

D’altronde, la linea societaria, questa volta è stata chiara: rimangono tutti. Da Chiesa a Milenkovic, da Simeone a Veretout. Nessuna cessione eccellente, per provare ad inserire qualche rinforzo che completi la rosa. Non di prima fascia, perché i soldi a disposizione non lo permettono. Il mercato sarà fatto con le cessioni (non facili) degli acquisti sbagliati la scorsa estate: Saponara ed Eysseric per fare due nomi. Da possibili cessioni come Laurini o Biraghi se arriveranno proposte allettanti, ma niente più. Chi credeva che il mercato viola sarebbe finito a luglio, come chiedeva Pioli, si sbagliava. Europa o non Europa (c’è una attesa non spasmodica, perché il mercato non cambierà in base alla decisione del Tas), si andrà avanti sulla stessa linea dettata dalla proprietà. Una squadra da settimo, ottavo posto, che difficilmente potrà fare qualcosa in più. A meno che, sul filo di lana, non si decida di sacrificare un big per fare mercato. In quel caso Corvino ha già pronti due/tre ottimi giocatori da acquistare. Ma questa, al momento, non è la scelta fatta. Dopo anni di cessioni, anche eccellenti, si è deciso di tenere tutti. A costo di fare poco, o pochissimo sul mercato. Giusto? Non giusto? Questo lo vedremo. La promessa, dello stesso allenatore, è quella di avere una squadra che migliori la classifica dello scorso anno. Non sarà facile, ma aspettiamo la fine del mercato per dare giudizi definitivo. Il mercato, nel bene e nel male, può sempre sorprendere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

28 commenti

  1. Pio Canti Senefreghetti

    Lo ribadito anche l’altra sera ADV i big restano tutti….certo fu detto anche appena torno Corvino ….i titolari restano tutti per la momentanea contentezza di Sousa …..e infatti a due giorni dalla fine del mercato fu venduto Alonso ,per cui con questi personaggi non c’è da meravigliarsi più di nulla …… .

  2. Tifolamagliaviola

    Ceccherini è stato preso per vendere Milenkovic

  3. Io non mi dimenticherò mai quando il primo anno di SOUSA eravamo primi/secondi e a gennaio invece di investire e migliorarci per vincere, abbiamo deciso di autodistruggerci pefchè la champions costava troppa.
    Da li ho capito che i DELLA VALLE non hanno alcun interesse a vincere … a loro gli frutta più stare così e rischiare poco .. che investire e quindi rischiare di più per magari prenderci poi gli stessi guadagni.
    SONO IMPRENDITORI .. Non sono uomini di calcio, un po’ come la FAMIGLIA POZZO, il modello è quello.

  4. E anche quest’anno niente … fino al 1 di Luglio dove si è aperto ufficialmente il calcio mercato, pareva ci fossero a fanta milioni …. poi …. arriva l’apertura ufficiale del mercato e .. e .. e .. e .. puffeteeeeeee, i soldi diventano 10 milioni dove di cui 3,5 sono stati spesi per ceccherini ….
    Ora io mi chiedo una cosa, ma questa gente quando parla la usa la testa o gli scurreggia altro che il cervello ??? E non venitemi a dire che nessuno ha parlato di budjet alti perchè mi ricordo benissimo quando i della valle questa estate volevano finanziare il mercato con 15 – 20 milioni di tasca loro + i soldi che aveva la società degli incassi degli altri anni.
    QUI CI PRENDONO PER IL CULO E BASTA.
    P.S.: l’ultimo giorno di mercato riusciranno a vendere rebic, babacar e a prendere dei soldi poi piazzeranno saponara ed esseryc e altri soldi, ma non ci sarà più tempo e allora diranno che il mercato di farà a gennaio.
    A gennaio poi diranno che i prezzi dei calciatori nel mercato di riparazione sono troppo alti e che terranno il famoso ”TESORETTO” per il mercato estivo.
    STORIE RIVISTE.

  5. Probabilmente c’ha la canna lunga xchè tanti colpi in canna ma fuori ne escono pochi….

  6. I DV hanno gettato la maschera definitivamente e quindi penso che ora sia chiaro a tutti che loro sulla Fiorentina lucrano e basta. Dopo aver inventato buchi accantonamenti progetti fasulli, ora hanno detto a chiare note che mercato creativo e 7/10 posto quindi il nulla.!!! E non sono affatto sicuro che il25 agosto vendano qualcuno da cui guadagnare molti mil. E farli sparire a Casette d’Ete come sempre. Non vendono perchè guadagnano bene dalla Viola e quindi siamo finiti malissimo……..

  7. Per i DV la Fiorentina gestita dal talebano gnigni è la classica gallina dalle uova d’oro. Ecco perché non la cedono. A meno che qualcuno non metta sul piatto una cifra con moltissimi zeri. Ma questo sarà possibile solo se la società che ha strutture da start up non si doti di succulente proprietà immobiliari (centro sportivo, stadio e famigerata cittadella, da realizzare con le plusvalenze del mercato. In altre parole: incassare il massimo senza rischiare nemmeno un centesimo.

  8. David neres dell’Ajax é un nome buono. Con i soldi di Rebic

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.