Questo sito contribuisce alla audience di

Di Federico in Federico: ecco perché la situazione di Chiesa è diversa da quella di Bernardeschi

Come si è detto tante volte, in comune hanno solo il nome e un passato nelle giovanili della Fiorentina. Federico Bernardeschi e Federico Chiesa infatti non potrebbero essere più diversi, e lo si nota dal modo in cui i due hanno gestito il rapporto con il successo. Entrambi “bravi ragazzi”, puliti ed umili, con la differenza che Chiesa lo è rimasto mentre Bernardeschi ha cambiato completamente il suo atteggiamento da quando i media hanno cominciato ad accorgersi di lui. Una certa supponenza si notava nelle sue ultime apparizioni con la Fiorentina, la stessa che probabilmente lo ha portato ad optare per la Juventus come miglior soluzione per il suo futuro (dopo aver dichiarato, oltretutto, che non ci sarebbe mai andato). Chiesa invece, nonostante sia ormai il simbolo della Fiorentina e adesso ne indossi anche la fascia di capitano, mantiene sempre quella pacatezza davanti alle telecamere e quella fame in campo che fanno di lui l’ultimo a mollare, in qualunque situazione. L’esultanza sotto la “Fiesole itinerante” contro la Spal, dopo i gol di Veretout e Simeone, sono l’emblema di come questo ragazzo metta l’anima in ogni minuto che gioca con la maglia viola e il giglio sul petto. E nonostante quel che si dice ogni giorno sul suo futuro, l’impressione è che al momento lui non ci pensi minimamente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Con una proprietà ambiziosa rimarrebbe al 110%.

  2. Finalmente un articolo che parla con il cuore e con la speranza che fede possa rimanere almeno un altro paio di anni da noi. Se poi così non sarà rispetteremo cmq la sua scelta, mai sarà paragonato a quel sudiciume in gonnella di quell’altro federico…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.