Questo sito contribuisce alla audience di

Come dominare una partita e portare a casa solo un punticino. Inter sfrutta al massimo il fattore c…Della Valle, vogliamo metterci qualcosa nella calza della Befana?

Andrea Della Valle sorridente. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Come dominare una partita, creare occasioni da gol a gogo, mettere alle corde una delle squadre in lotta per lo scudetto, rischiare pochissimo e portare a casa solo un punticino. L’Inter sfrutta al massimo il fattore culo: la palla respinta da Sportiello che finisce di nuovo a Icardi, un paio di deviazioni provvidenziali davanti ad Handanovic. Chissà se la miglior prestazione della Fiorentina in questa stagione convincerà i Della Valle, non a spendere, ma a investire. Vogliamo metterci qualcosa nella calza della Befana viola?

Leggi l’articolo completo e le pagelle di Francesco Matteini su Violaamoreefantasia.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

17 commenti

  1. ma con pioli di partite cosi non vinci mai,,,,,,,,,,la mediocrita e di casa,,,,,,,,,,con della valle vanno d accordo,,,,,,,,,

  2. Contento te…

  3. Io pensavo di non essere messo bene, ma leggendo i commenti su questo sito spesso mi rincuoro, l’infelicita e l”insoddisfazione in generale è un male comune…e soprattutto c’è chi è messo molto male. Forza Fiorentina

  4. Sono d’accordo con Marco, partita penosa giocata da due squadre penose, tra le quali l’inter più penosa ancora. Il giorno dopo leggendo i giornali mi veniva da ridere, “Grande Fiorentina, meravigliosa Viola ecc.” La nostra campagna acquisti ha avuto due fasi , dopo il repulisti abbiamo preso mezza squadra dei quali sono già tutti in partenza, a quattro giorni dall’inizio del campionato abbiamo preso l’altra metà, Lo Faso , Biraghi ecc.comunque attinto a piene mani dalla serie B. Chiamarla squadra di raccattati non rende neanche bene l’idea. Ancora leggo di gente entusiasta dell’ennesimo punticino, una squadra normale, non forte, normale , a questa Inter , a questo Milan , a questo Genoa, gli faceva 4 reti in scioltezza. Essere contenti di questa Fiorentina e di questo gioco vuol dire non avere mai visto fare calcio.

  5. Abbiamo giocato contro la peggiore inter del campionato e non siamo stati capaci di vincere!!!purtroppo abbiamo attaccanti che non sanno tirare in porta decentemente,abbiamo una caterva di pseudo giocatori da sere b,inoltre sbaglia l’allenatore a non far mai giocare Babacar,l’unico con i piedi buoni.

  6. Quando la storia si ripete (prima col Genoa poi col MIlan e ieri con l’Inter – sempre in casa) non è più una casualità e non si può semplicisticamente dare tutta la responsabilità al fattore “C”. Certo c’entra anche il culo (a Spalletti non è mani mancato) ma anche evidnti lacune nostre nel tiro e nella determinazione. Vedere un giocatore esperto come Thereau sbagliare una facilissima occasione da solo su gentile regalo di Ranocchia e padellarla in curva. Vedere Chiesa che tira dieci volte e mai nello specchio =è specialista in quasi pali in fuori di pochissimo e nell’esaltare il portire nei rari casi nei quali centra la porta). Poi ci sono i bidoni del diversamente magro che ha dilapidato 100 mil di euro circa (diceva Bucchioni in trasmissione stasera che con quella cifra si sarebbe potura fare una squadra molto più forte). Cristoforo, Oliveira, Sanchez, Dias, Esseric, tutta gente da rispedire al mittente, tutti soldi dilapidati. Poi ci manca un terzini dx da una vita, abbiamo un giovani promettente (Piccini) e che fa il diversamente letterato lo da al Siviglia col risultato che adesso lo vuole la Juve. Un disastro chiamato Corvino.

  7. Forse ho visto un’altra partita giocata malissimo da ambedue le squadre, una lenta e prevedibile, l’Inter, l’altra, la Fiorentina, che giocava unicamente sulle ripartente causate da errori dell’avversaria. E’ vero che abbiamo avuto più occasioni da gol , ma non c’è uno straccio di gioco, di schemi validi, soprattutto d’attacco

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.