Questo sito contribuisce alla audience di

Giani: “Fare lo stadio alla Mercafir è complicato. Ripensare a Castello”

Eugenio Giani, membro uditore del Consiglio di amministrazione della Fiorentina, parla a Radio Bruno: “Dal consiglio di amministrazione mi sono reso conto che l’intero comparto dirigenziale è molto motivato per rinforzare la Fiorentina. ho visto un Corvino ultra carico e una società che vuole continuare ad essere tra le prime d’Italia e dunque confido di vedere una squadra molto forte per la prossima stagione”. Sul tema stadio che continua da anni a tenere banco a Firenze e nella Fiorentina, Giani, dice: “Se ci si rende conto che fare lo stadio alla Mercafir non è possibile bisogna lasciar stare e pensare ad altro. Forse con la nuova proprietà di Unipol, proprietaria dell’area di Castello, si può fare meglio e trovare un accordo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Eccoci di nuovo con questo schifo di politici. Solo slogan elettorali e poi non fanno assolutamente niente. Casta di giullari

  2. Tranquillo, Unipol nn regala nulla, credo abbiano altri progetti per quell’area ed in ogni caso, ciò che sarà edificato, verrà appaltato a cooperative loro. Quindi, nisba

  3. Ma perchè UNIPOL la regala la sua area ai Della Spilorci? Sig Giani dovresti sapere che fra le due area esiste una Grande differenza….
    – la Mercafir è comunale e vista la riqualifica se ci viene costruito qualcosa con denaro privato, area viene date per tot anni a gratis…
    -la Unipol non regala ne darebbe area ad un altro privato a gratis per costruirci, quindi?
    Secondo lei i Della Spilorci proprietari della Fiorentina acquistano Area di Castello da Unipol per costruirci lo stadio ahhahahahha
    Ma he siamo il 1 di Aprile?

  4. Ma BASTA!

    Sono 5 ANNI che TUTTI sanno che non si farà MAI niente!!!
    Quindi perché lo dite!! Per illudere chi, visto che tutti leggono tali dichiarazioni tra risatine e battute!!
    NESSUNO ci crede!
    Poi nel Comune di Firenze…ma figuriamoci!

  5. Spiegate quali sono le difficoltà una volta tanto! Altrimenti hanno ragione i Della Valle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.