Questo sito contribuisce alla audience di

Il focus sulla difesa: Hugo croce e delizia, ma quanta libertà per Politano! E Fernandes ci ricasca un’altra volta…

Continua la rubrica di Fiorentinanews.com dedicata all’analisi della fase difensiva, con un’attenzione particolare agli eventuali gol subiti dalla squadra di Stefano Pioli. Contro l’Inter la retroguardia della Fiorentina partiva già con un handicap non indifferente: oltre all’infortunato Pezzella, era indisponibile anche Milenkovic così che in coppia con Hugo ha giocato Ceccherini, con Laurini a destra. E bisogna dire che l’ex-Crotone si è comportato molto bene, tenendo in piedi il reparto con vari interventi e lanciando Chiesa in occasione del primo gol. Consueta partita senza infamia e senza lode per Laurini, mentre Vitor Hugo ha alternato un’ottima marcatura su Lautaro Martinez a un fuorigioco mal eseguito che è costato la rete di Vecino. Peccato per Biraghi, il cui missile vincente è stato annullato dal VAR. Riguardo a Lafont, e quindi ai gol subiti, non ci sentiamo di attribuire grandi colpe al portiere francese: su Vecino ha sfiorato il miracolo, mentre il tiro di Politano si insaccato nell’angolino dopo un bacino al palo per altro con una traiettoria molto insidiosa. Nell’occasione piuttosto ci sarebbe da becchettare Veretout, che ha dato troppa libertà all’avversario, e Gerson, che si è opposto tardivamente alla sua conclusione. Infine il rigore realizzato da Perisic è stato causato dall’ennesimo fallo di mano stagionale di Edimilson Fernandes, che se non altro andrebbe educato ad essere maggiormente coordinato e attento specialmente quando si muove all’interno dell’area di rigore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Sono più o meno d’accordo con le analisi però sui gol lafont qualcosa di più poteva fare. Vedi il primo gol.

  2. Fernandes non è da riscattare. Non ha i collegamenti giusti fra la testa i piedi e le braccia.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.