Questo sito contribuisce alla audience di

Il limbo di Vlahovic e Montiel: superstar per la Primavera ma “troppo giovani” per la Serie A

E’ una questione scomoda quella che riguarda i tanti giovani che a livello Primavera si mettono in mostra, non solo a Firenze: la soluzione delle squadre B, fiore all’occhiello di tante realtà all’estero e che permette ai vari ‘canterani’ di affacciarsi già a 17-18 anni al calcio professionistico, in Italia ha attecchito solo in parte. Questione di costi ma anche di spazi (in Serie C), che per ora hanno lasciato spazio solo alla Juventus B (o Under 23). Per tutte le altre il problema resta, perché magari il massimo torneo giovanile può illudere e, di fatto, chi è protagonista lì non lo diventa automaticamente in prima squadra: la Fiorentina dei Carraro, Piccini, Iemmello e compagnia vide esordire in pratica il solo Matos, non certo il più appariscente. Ecco perché quanto visto lunedì da Montiel e Vlahovic induce sì all’ottimismo ma non autorizza a immaginarli già protagonisti nel gruppo di Pioli (guardate il caso di Hagi), tanto è vero che per aggiungere minutaggio sono scesi nuovamente tra i coetanei. Il loro è una sorta di limbo molto scomodo, da cui estrarli con oculatezza, senza bruciarli, ma anche con un pizzico di coraggio: il diktat del “chi è bravo gioca, a prescindere dall’età”, vale globalmente ma in Italia forse un po’ meno. In attesa che si presenti l’occasione giusta…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Nella partita con la Samp se Pioli metteva nell’ultima mezzora Vlahovic forse qualche pallone in avanti riusciva a tenerlo per far salire la squadra. Simeone non fa questo gioco, non regge la palla contro i due centrali. E Montiel in mezzora poteva inventarsi il tiro o passaggio risolutivi. Il ragazzo è lucido in ogni circostanza, e in finale di partita può giovarsi della fatica dei difensori avversari. Non è vero non regga i contrasti, è un lottatore, ma si lascia anche facilmente cadere vicino all’area avversaria e raccatta così punizioni preziose. Avete visto come facevano gli attaccanti della Samp appena vicini alla nostra area? Subito giù, e punizione a favore.

  2. Concordo con marius, un certo paulo sousa ha avuto il “coraggio” di far esordire in serie A, e nientepopodimenochè contro i gobbi a Torino, un certo Federico Chiesa…. di questo almeno dobbiamo dargliene atto!
    FORZA VIOLA!

  3. Pienamente d ‘accordo, ho seguito Montiel sin da Moena,tecnicamente penso sia anche migliore di Chiesa, se non sfruttiamo un talento del genere davvero non capiamo niente, sembra che possano giocare solo quelli alti minimo. 1.80 e pieni di muscoli. Ma la tecnica non conta più nulla? All’estero seppur con gradualità l’avrebbero già fatto esordire,noi invece aspettiamo,aspettiamo,aspettiamo e poi ce lo fregano altri…..che bischeri……

  4. Giogetto, non a caso liedholm era straniero.Fin quando non si entra nell’ordine di idee che quella degli allenatori italiani non è prudenza per non bruciare i giovani ma stupidità,non si risolve il problema in italia.Basti notare questo:Bernardeschi,chiesa,pellegri,donnarumma;ovvero gli ultimi talenti sbocciati in italia.I primi due li ha fatti esordire paulo sousa,il terzo juric,il quarto mikhailovic.Tutti stranieri.In questa particolare classifica classifica della stupidità,pioli è il portabandiera.

  5. Quando sei talentuoso e a posto con gambe e polmoni. Devi giocare. Non conta l’età. E comunque decide l’allenatore.⚽️👍

  6. Montiel e Vlahovic lì sono sprecati mentre in prima squadra saprebbero dare un apporto importante. Lo spagnolo è troppo minuto? Cosa ci si aspetta da lui, che venga uno Scwarzeneger e perda poi le sue prerogative quali l’agilità e la destrezza con il pallone? Si vede lontano un miglio che è ambizioso e sicuro di sé. Il serbo è una forza della natura ma abbina anche freddezza sotto porta e generosità nel gestire il pallone e il rapporto con i compagni. A me viene in mente l’ allenatore giusto per questi giovani: si chiamava Nils Liedholm. Con lui avrebbero già giocato nella massima serie.

  7. Risorse sprecate , di doveva puntare su di loro invece che si mirallas e pijacia che sono in prestito e al 99% non resteranno.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.