Questo sito contribuisce alla audience di

Il Lunedì

Il Lunedì, solitamente, è il giorno in cui riaprono le serrande. Anche del calciomercato. E Firenze attende con ansia novità provenienti dalla Baviera, e sogna già una super accoglienza a Peretola. Fosse solo perché il tempo stringe e la Fiorentina di Montella ha voglia di abbracciare fin da subito il nuovo bomber. Forse non sarà il Lunedì del tutto fatto, ma sicuramente sarà un nuovo Lunedì di febbre alta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Martedi non si scherza però è……………………………e anche venerdi chi lo sa!

  2. Mi pare strano che ci sia ancora gente che si meraviglia di Prandelli che non convoca in nazionale giocatori della Viola. Quanti italiani abbiamo in squadra? Aquilani (convocato),
    Pasqual, e avevamo anche Migliaccio, Toni e Viviano. E sinceramente chi avrebbe convocato questi ultimi quattro? Solo un incompetente, Pasqual a parte.
    Se avesse potuto avrebbe sicuramente convocato anche Borja Valero, Cuadrado, Ljajic,
    Gonzalo e Savic. E allora? Smettetela di criticare per partito preso, che fate anche figura da incompetenti.

  3. non ha attinenza con l’articolo ma ho voglia di dirlo: ad Aquilani gli avete fatto la pagella sulla prestazione….ma perche’ non l’avete fatta anche a Prandelli, che sarebbe stato piu’ importante perche’ quella di Aquilani e’ la conseguenza di cio’ che era l’aria alla Confederation Cup, cioe’ un gruppo juventino e milanista da cui era stato tolto-cacciato-scartato il nostro principe….e siccome e’ un orgoglioso, ha fatto il compitino levando la gambuccia. BRAVO AQUILANI, MIGLIORE IN CAMPO E NOSTRO GRANDE 10
    …e chi non e’ daccordo pazienza per lui.

  4. “Monday monday, so good to me” cantavano i Mamas & Papas. Vediamo cosa succede domani…

  5. manuele da fiesole

    questa attesa e tutte queste notizie, tra avvistamenti presunti e visioni certificate, sta veramente cominciando a stancare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.