Il percorso improvvisamente accelerato di Ikoné: la Fiorentina può trasformare un problema in un’occasione

La conclusione di Ikone contro la Juventus che finisce sul palo. Foto: Fiorentinanews.com©

A sedere per lungo tempo tra gennaio e la prima metà di febbraio, poi improvvisamente due gare di fila da titolare per Jonathan Ikoné, che un po’ tutti si aspettavano già determinante e intoccabile nello scacchiere di Italiano. La realtà, quasi mai aderente alle aspettative, della Fiorentina vede invece l’ex Lille ancora sulla fase dell’apprendimento ma parte delle sue doti l’ha messe comunque in mostra, tra dribbling, velocità e gran tocco sul pallone. Negli ultimi giorni per la squadra viola è venuto a mancare Gonzalez, frenato da una sindrome influenzale, ed anche per questo il francese è stato gettato nella mischia: un ricambio che rispetto alla penuria di alternative di inizio stagione rappresenta sicuramente un passo in avanti.

Iniziava a serpeggiare un po’ di curiosità, più che altro, intorno ad un giocatore che fino a pochi giorni prima del suo sbarco a Firenze giocava la Champions League. La sua crescita, il suo ambientamento, e soprattutto l’occasione creata involontariamente da Gonzalez, hanno aperto uno spazio importante per Ikoné. E per la Fiorentina il problema dell’argentino può diventare una grande occasione di continuità per il francese, dal quale a questo punto ci si aspetta anche qualche segnale sotto porta.

Guarda i commenti (9)

  • Mah, a me sembra piuttosto naturale che il giocatore abbia bisogno di un pò di tempo per adattarsi al nuovo gioco, nuovo campionato e nuovi compagni di squadra. Per altro senza conoscere la lingua. Stesso discorso per la punta brasiliana. Cerchiamo di stare calmi e sosteniamo i ragazzi, che stanno dimostrando di aver voglia di fare bene. Oggi pretendere un piazzamento europeo non è corretto, tutti ci speriamo, ma sarà complicato.

  • Oggi sicuro titolare (ma vorrei lo fosse anche Cabral, Piatek non incanta di certo e cmq può subentrare), é un giocatore delizioso, se impara a essere più cinico diventera' un top. È vero che il killer instinct sotto porta lo hai di natura, ma mi sono riguardato le statistiche di Salah al suo arrivo, pure lui 23enne, a Firenze e sono simili, se non inferiori a quelle di Ikone al Lille. Salah inizio' a segnare da noi, 26 presenze e 9 gol, per poi aumentare la media a Roma ed esplodere clamorosamente a Liverpool. Non lo voglio paragonare, l'egiziano è un mostro, spaventoso il modo in cui sfreccia palla al piede a petto in fuori senza perdere lucidità sotto porta, ce ne accorge mo presto anche noi, ma Ikone ha sprazzi di Salah e se anche lo avvicinasse al 50% sia nei gol che nelle prestazioni, sarebbe un gran giocatore. Uno così, oltre ai dribbling, superiorità numerica, cartellini agli avversari, dovrebbe garantire almeno 10 gol l'anno, così come Gonzalez, mica pretendo 15/20, non sono centravanti, ma fra tutte le competizioni dovrebbero arrivare per lo meno a 10 e credo che alla lunga segnerà qualche rete in più Ikone di Gonzalez, tralasciando eventuali rigori.

  • Cuore dell'operazione è lo stadio, che dovrà avere 40.000 posti a sedere al netto degli spazi necessari per le competizioni Uefa, cioè almeno 43.000 posti. Tribune, torre e scale elicoidali dovranno essere mantenute, mentre davanti alle attuali curve si potranno realizzare curve per essere più vicini al campo gioco e le tribune del parterre realizzate per Italia ‘90 potranno essere demolite. Il Franchi potrà essere interamente coperto, avrà più parcheggi sotterranei, spazi ristorazione e più servizi igienici, spazi vip e skybox, e per renderlo aperto sette giorni su sette, vi nascerà il museo della Fiorentina, del Calcio in costume, della Figc, e un Viola Store.

    Sempre per dare nuovi introiti, nell’area del masterplan si potranno fare un albergo, uffici e spazi direzionali, spazi commerciali per 5.000 mq, la metà dei quali per un supermercato.
    ⚜💜⚜💜⚜💜⚜💜⚜💜⚜💜⚜💜⚜

  • Da 3-4 giorni è quasi impossibile visitare questo sito,una pubblicità difficile da togliere.
    Potete fare qualcosa?
    Grazie mille.

  • Anch’io non capisco perché l’uno deve essere l’alternativa dell’altro. Un bel tridente Gonzales-Cabral-Ikoné può fare cose ottime. Eventualmente farli rifiatare con Sottil e Saponara. Ma per me loro dovrebbero essere i titolari inamovibili.

  • Ma per quale recondito motivo per far giocare ikone deve mancare Gonzales? Sono gli esterni più forti e devono giocare titolari poi,che facciano qualche errore sotto porta, è un altro paio di maniche.il vero problema è italiano.Ed è un grosso problema! Perché prima che uscirà fuori che sia lui il problema,ci vorrà parecchio tempo.

Articoli correlati