Questo sito contribuisce alla audience di

IL PROBLEMA CHE BLOCCA ANCORA L’ARRIVO DI PASALIC

Mario Pasalic e la Fiorentina, tanto vicini quanto lontani. Un intreccio di mercato non indifferente, un film ricco di colpi di scena che impedisce ai tifosi viola di fare previsioni sul finale.

L’unica certezza è che l’accordo con il giocatore c’è sempre stato. Pasalic infatti non ha mai nascosto la sua intenzione di vestire la maglia viola e questo ha sempre fatto trapelare un certo ottimismo. L’incognita semmai era legata al club proprietario del centrocampista croato, il Chelsea, e in particolare alla vicenda allenatore: come più volte sottolineato dai vari esperti di mercato, infatti, l’operazione Pasalic si sarebbe sbloccata soltanto dopo l’arrivo di Sarri sulla panchina dei blues. Una situazione complicata, soprattutto per la presenza ingombrante di Antonio Conte. Nei giorni scorsi, però, la matassa è stata finalmente sbrigliata e Sarri è diventato il nuovo allenatore del Chelsea portando con sé anche Jorginho (un altro centrocampista).

Un’ottima notizia dunque per la Fiorentina e i suoi tifosi, che finalmente erano pronti ad annunciare un nuovo importantissimo acquisto. Tuttavia, la situazione si è complicata ulteriormente per la volontà del Chelsea. Il problema stavolta riguarda la formula dell’operazione: la Fiorentina ha proposto un prestito con diritto di riscatto, mentre il club di Abramovich vuole l’opzione con obbligo.

Una trattativa destinata dunque ad andare per le lunghe, nella speranza che prima o poi si arrivi ad un accordo. Di certo la volontà di Pasalic può fare la differenza a favore della Fiorentina, ed è una componente sulla quale Corvino potrà puntare fortemente per aggiudicarsi il suo nuovo centrocampista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

28 commenti

  1. Venti giorni fa era tutto già fatto doveva essere a Moena il 16 ora si dice che ancora non c’è l’accordo con il Chelsea Bo!!!!!!!! Che dirigenti sono propio dei raccattati

  2. Comunque continuate nel difendere l’operato di questa proprietà che vi sta pigliando per il ………………..continuate .

  3. IIV, capisco che tut debba difendere a spada tratta i tuoi idoli i DV ma dire che eravamo 4 gatti quando allo stadio c’erano quasi 27 mila spettatori be è voler nascondere la verità ………………………………

  4. Ma che parliamo di due anni e mezzo fa??? Ma non scherziamo. Comunque la colpa, anche del fatto che poca gente va allo stadio, è sempre della società, sono riusciti in pochi anni a fare una cosa che sembrava impossibile a Firenze: far disamorare parte della tifoseria, non c’era riuscito nessuno! Complimenti a loro e a chi li difende ancora.

  5. Ma se a gennaio 2016 con la Viola prima in classifica allo stadio contro la Lazio si era 4 gatti, ma cosa pretendete????

  6. Una società di pezzenti, di accattoni, di morti di fame… facciamo sempre queste figure, andiamo a elemosinare prestiti, regali, senza alcuna programmazione. E’ un anno che tutti sappiamo che Badelj se ne va e non sono riusciti a trovare un sostituto. Questi non fanno altro dalla mattina alla sera che seguire il calcio e in tutti questi mesi non sono riusciti che a prendere uno sconosciuto e un portierino che ancora deve dimostrare tutto il suo presunto valore. Via i della valle e la loro combriccola da Firenze, non ci meritano e noi non meritiamo di essere trattati così. Ma l’unica arma che abbiamo è di lasciare lo stadio vuoto, seguendo, questa volta sì, l’esempio della proprietà che se non fosse stato per la morte di Davide, non si sarebbero fatti più vedere.

  7. Questo Pasalic pare sia la quintessenza della sapienza calcistica. Lo punti da mesi e fai arenare la trattativa su diritto/obbligo di riscatto ??
    Ma quanto ci credi in quello che fai ? Se sei sicuro del giocatore lo compri, punto e basta, se nn hai soldi in questo momento (ma nn ci avevano detto che i conti sono ok e si poteva spendere ?) lo pigli con obbligo di riscatto. Se invece lo vuoi in prestito secco, sei il primo a dimostrare di nn credere in quello che stai facendo.

  8. OK che si aspettava l’arrivo di Sarri, ma è mai possibile che nel frattempo non si è pensato di raggiungere un accordo con il Chelsea? E’ tanto strano parlare con la società e trattare il giocatore (ovviamente dando la decisione finale a Sarri) mettendosi d’accordo sulla formula? In questo modo arrivava Sarri e non perdevi tempo. Comunque secondo me stanno aspettando il TAS. Se non andiamo in europa pigliano un paio di giovani, se invece ci piazzano in EL si spende qualche milione in più. Ovviamente di ingaggio, dato che di cartellini non ne cacceranno un euro. Stanno cercando solo prestiti con diritto di riscatto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.