Questo sito contribuisce alla audience di

Il punto sul mercato: La rivoluzione mancina. E ora i soldi dove finiranno?

Mario Cognigni in compagnia di Pantaleo Corvino. Foto: Fiorentinanews.com

E’ avvenuta in pochi mesi la rivoluzione completa della fascia sinistra della Fiorentina. Via Pasqual a parametro zero mentre per Alonso i viola incasseranno 25 milioni più 3 di bonus. Al loro posto sono arrivati Milic e Olivera (ormai prossimo acquisto della Fiorentina), pagato circa 2 milioni di euro. Ora però si apre una grande questione, cosa ne sarà dei soldi incassati dalla cessione dello spagnolo? Una buona parte servirà per ripianare i bilanci con un occhio ai conti, come dicono Corvino e Freitas, mentre il resto sarà reinvestito, ma resta da capire su quali ruoli. Intanto la Fiorentina è pronta a dare Mati Fernandez in prestito per risparmiare 2 milioni lordi di ingaggio, e Corvino incontra Ramadani per chiudere l’affare Jovetic. Con il super procuratore a tirare le fila della trattativa c’è da pensare che alla fine JoJo tornerà alla Fiorentina con i viola che comunque non pagheranno l’ingaggio intero. Il mercato della Fiorentina, dunque, entra nel vivo. A poche ore dal termine la cessione di Alonso apre a molte idee.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

91 commenti

  1. Purtroppo l ennesima scommessa che dobbiamo sperare di vincere…il giocatore giusto lo avevano bloccato (Lazaar), se poi ha preferito la Championship alla Fiorentina Corvino può farci ben poco…

  2. Che i Della Valle a livello economico non se la passino bene ormai è accertato, vendite in calo spaventoso, Italo che è più un debito che un guadagno (con Montezemolo che si credevano , dove ha messo mani ha fatto danni, in ultimo in Alitalia) , Cairo gli ha fatto il mazzo e ha approntato pure una squadra più forte, sul discorso di squadra outsider proprio non ci credo , specialmente con questa regola cretina del FPF che sostiene le grandi e affossa le altre.
    La Fiorentina ha avuto tantissime chance in passato , tutte miseramente fallite per dabbenaggine , incompetenza, presunzione, mancanza di sentimento , ora quei tempi sono passati e alla Fiorentina senza investimenti e senza cambio di proprietá ( e non è detto) non resterá altro che guardarsi indietro con rimpiangendo per quello che poteva essere e non è stato !

  3. anno scorso eravamo secondi a gennaio..benaluane e tino costa gli acquisti….non aggiungo altro..

  4. Il signor Perozzi ha fatto un quadro assolutamente contestualizzato e condivisibile dello scenario calcio che non ha più niente a che vedere con la passione o la pancia dei tifosi. Così è se vi pare. Non c è più niente oltre al business facciamocene una ragione. Attualmente solo il Napoli ricalca i paradigmi del calcio anni 60 ma temo pagherà un conto salato se non nel breve nel lungo periodo. Hanno pagato dazio i moratti e i berlusconi avete idea? Solo gli agnelli riescano a salvarsi ma per chi la conosce è storia nota. Smettiamola una volta per tutte di fare gli indignati e tifiamo perché abbiamo un cuore viola tutto il resto sono giochi più grandi di noi e malgrado noi. Mio padre mi porto al piazzale nel giugno 69 con la 600 e sciarpa viola al collo. Ho visto de Sisti Antognoni persino tale zeno gola Baggio e Rui Costa con la 10. E non sono pago. Ma me ne faccio una ragione. Saluti a tutti.

  5. Vanno in tasca al proprietario…..alla faccia dei babbei che ancora danno credito a questa proprieta’…..ps 15 anni – zero tituli

  6. Ma come dove? A CASETTE D’ETE. Con quelli di Cuadrado, Quelli avanzati a gennaio etc.

  7. Ho il sentore che prima o poi la Fiorentina verrá travolta da qualcosa , ho questa sensazione !

  8. Scusa ma forse non hai capito o non ti intendi di economia. Quando una società (come la Fiorentina) incassa meno di quanto spende per ingaggi giocatori, stipendi personale ecc. è logico che vada tutti gli anni in rosso. Con la gestione Pradè gli ingaggi dei giocatori sono levitati (vedi quello di babacar) e la situazione stava diventando insostenibile. Nessuno si è messo in saccoccia niente. Se Corvino,come sembra, riuscirà a non indebolire la squadra (avremo un Alonso in meno ma De Maio Salcedo Milic Cristoforo Sanchez Diks Toledo che lo compensano e sono migliori delle riserve dell’anno scorso) ed a diminuire gli ingaggi, avrà fatto un vero e proprio miracolo. Nei prossimi anni, se solo qualcuno dei giocatori presi (giovani compresi) dovesse esplodere potremo investire e provare nuovamente a crescere come avevamo cercato di fare con Gomez e Rossi. La nostra realtà è questa, vistenle scarse entrate che abbiamo (e quelle che contano vengono dalle tv, come dimostrato dal campionato inglese).

  9. Allora giusto per la cronaca, Campedelli presidente del Chievo ed industriale di prodotti da forno, ha più volte dichiarato di essere stra tifoso dell’hellas! Cercando varie volte di unire le due squadre cittadine!
    Quindi mi dispiace ma il primo punto della tua tesi viene purtroppo sgretolato.
    Vuoi sapere perché il Chievo e’ così forte?
    Semplice: tifosi che sono pochi indubbiamente, tifano Chievo! Senza polemiche e invidie di sorta!
    Ma soprattuto non hanno 40 giornalisti e 25 siti internet che mangiano pane solo gettando fango sulla squadra che in teoria dovrebbero tifare!
    Detto ciò se credi che ad essere tifoso del Chievo e’ più dignitoso che tifare la Fiorentina di DV fallo pure!
    Io ed il mio presidente siamo ben felici ogni anno di arrivare nelle prime 6 e giocare le coppe!
    Caro Matteo, prima di tutto ci teniamo a dire che rispettiamo ovviamente la tua opinione, così come le opinioni di tutti i nostri lettori. Detto questo, è anche ora di dire basta a concetti astrusi come quelli che hai espresso. In campo non ci vanno i tifosi, in campo non ci vanno i giornalisti, in campo ci vanno i giocatori che vengono portati, tenuti, scambiati da una società e questo da tutte le parti. I risultati sono figli delle squadre che vengono costruite, del lavoro che viene svolto durante gli allenamenti e delle prestazioni in campo dei giocatori. Punto. Il resto, permettimi, è solo fuffa, un grosso alibi costruito ad arte da chi ha responsabilità. Senza contare, e qui ovviamente parlo per la testata che dirigo, che nessuno di noi si è mai sognato, né mai lo farà, di gettare fango sulla Fiorentina. A parte che gettare fango, quando si parla di calcio, è veramente un concetto fuori dalla realtà, però significa inventarsi tutto di sana pianta pur di dare contro a qualcuno e qui da noi le critiche, quando ci sono, sono espresse in buonafede e sulla base, crediamo, di fatti concreti. Senza contare il fatto che vengono espresse anche in maniera educata e non sguaiata come purtroppo succede, soprattutto su internet. Un saluto a te e a chi ha avuto la pazienza di leggere e, spero, di capire quello che volevo dire. S.D.C.

  10. Nonostante il Sig.Plusvalenza, gli ultimi due bilanci indicano perdite x un -11 ed un -20, ripianati dalle loro tasche (o dalle vostre?)speriamo che quest’anno oltre la somma da destinare al pareggio ci resti qualcosa x ricomprare, visti anche i risparmi su alcuni ingaggi piuttosto pesi di cui si e’ liberata…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.