Italiano: “Con Ikoné e Piatek abbiamo aggiunto tanto, grande sinergia con la società. Non sappiamo che succederà ora, siamo fermi da molto”

Spazio alle parole anche dell’allenatore della Fiorentina, Vincenzo Italiano in un anomalo post non-partita, a Sky Sport:

“Una situazione anomala che non mi era mai capitata, nessuno è abituato a questo, ne abbiamo approfittato per fare allenamento e non perdere il ritmo. Chiaramente però bisogna che ora vengano fuori delle regole e delle situazioni certe per tutti, alcuni stanno giocando, altri no. Chi come il Verona ha contagiati ma va a giocare, altri sono fermati dalle Asl, serve una soluzione comune perché il campionato deve continuare nella maniera giusta.

Non si sa cosa succederà domenica, in teoria dobbiamo andare a Torino e non so come ci dobbiamo comportare. Il protocollo dei 13+1 se certificherà il fatto di poter continuare il campionato penso che sia la soluzione giusta. Dobbiamo essere responsabili ed evitare i contagi per poter continuare il nostro lavoro.

Le risposte della società sul mercato? Ikoné si aggiunge a una batteria di esterni già di livello, è una zona di campo dove servono energie e aggiungiamo grande qualità. Può darci imprevedibilità e gol in più. Piatek è un giocatore che quando serve forzare la gara, mettere più fisicità ci darà questa opzione. Sono convinto che abbiamo aggiunto tanto.

Sinergia con la società? Quello che si sta creando con la società, quando c’è questa condivisione e voglia di lavorare, poi porta a decisioni veloci. Si concretizza con il fatto che sono arrivati subito due giocatori, è una soddisfazione per tutti. Mercato finito? Se l’ha detto il direttore (Pradè ndr) bisogna crederci, non parla mai di 100%, lascia sempre un 1% di possibilità, quindi vediamo da qui alla fine.

Io come il primo Prandelli? Il mister ha fatto grandissime cose qui, sono stati anni strepitosi per la presenza costante nelle coppe, per una serie di piazzamenti in campionato. Nel girone d’andata siamo stati bravi, l’obiettivo sarà confermare i 32 punti, la crescita che stiamo avendo. Se poi con i nuovi arrivati riusciamo a fare qualche punto in più, vediamo dove saremo alla fine. Questa città merita la posizione dove siamo adesso se non ancora meglio”.

Guarda i commenti (4)

  • allora inizio col ribadire un concetto che mi sta tanto a cuore personalmente.. volevo e lo stavo chiedendo alla proprietà e alla dirigenza un progetto biennale/triennale condiviso da tutte le componenti di ac fiorentina,,proprietà,,dirigenza,,e allenatore e sono stato accontentato in pieno l'estate scorsa.,volevo un progetto stile atalanta!!!!!!,questo chiedevo a mr commisso e al dg joe barone,e ripeto ,mi hanno accontentato in pieno..,compreso il concetto di dare più autonomia nelle decisioni programmatiche al ds pradè,,e così è stato!!!!!!!!!.,il presidente commisso non lo aveva fatto sotto la pandemia, ,quando decise con il covid di mezzo e montella ancora a libro paga,, di confermare iachini,,,quando invece il ds pradè aveva scelto come allenatore della fiorentina ivan juric.,,ma rocco mi ha dimostrato con i fatti di essere un grande presidente,,,e un uomo intelligente che ha saputo imparare da un suo errore di valutazione.,la scorsa estate infatti quando l'allenatore voluto da commisso in persona rino gattuso,,un ottimo allenatore peraltro,,ma quando rino per divergenze di varia natura programmatica con la proprietà ha deciso di comune accordo con la stessa, di lasciare ac fiorentina prima ancora di andare nel ritiro di moena,,.la mossa vincente della proprietà intesa come mr commisso e il dg barone,è stata quella li per il sottoscritto di dare fiducia al ds pradè.. commisso e barone hanno dato mano libera al grande daniele!!!!!!!!!!!!!!!!!!!questo per il sottoscritto,,un uomo che sta nel calcio da oltre 30 anni a questa parte,,e con l'avallo del presidente commisso e del dg barone, pradè ha portato a firenze vincenzo italiano.,una grande scelta!!!!!!!,un nuovo grande inizio per la fiorentina,,un nuovo grande progetto voluto e codiviso da tutti in società!!!!!!,finalmente si è verificato quello che io desideravo,,la nascita di un progetto forte,, sposato da tutte le componenti di ac fiorentina..,una nuova rinascita,,e quando c'è condivisione,,poi il mercato appunto è mirato e condiviso con il proprio allenatore.,quindi non mi stupisco affatto ne degli arrivi di torreira,,di nico gonzalez,,ma nemmeno dagli arrivi di odriozola e ora di ikonè e piatek.,ripeto progetto ampiamente condiviso in tutto e per tutto.,c'è grande sinergia tra proprieità dirigenza e allenatore, come non mai dall'arrivo di commisso a firenze!!!!!!! sono felice da diversi mesi a questa parte, non l'ho mai negato nei miei messaggi.,vedo che stiamo percorrendo la strada giusta.,si può aprire un ciclo importante con mr italiano e con una proprietà così forte, e pienamente coesa con la dirigenza e con l'allenatore.,infine,ha detto benissimo mr italiano,con piatek e ikonè abbiamo aggiunto tanta roba in attacco.,ora il reparto mi sembra realmente completo, e soddisfacente sotto tutti i punti di vista!!!!!!,e ha ragione mr italiano anche sull'1% che il direttore pradè si lascia sempre aperto in ogni sessione del mercato.,la fiorentina aveva due priorità in questo mercato e le ha chiuse entrambe molto velocemente.,la punta centrale di riserva,,e l'attaccante esterno aggiuntivo.,ma occhio perchè il ds pradè ha sempre quell'1% aperto sul mercato, e da qui alla fine di gennaio mancano ancora diversi giorni se non erro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Ottima società, ottimo allenatore, un bel gioco, una buona squadra con alcuni ottimi elementi. Questa è gente che vuol crescere di anno in anno e si potrà fare meglio del primo Prandelli. Con o senza Vlahovic.

  • Allenatore che parla positivo, nn conosce i se e i ma.... Ikone e Piatek sono tanta roba, saprà motivare i 2 a dovere..., è un martello

  • Bisogna concentrarci e lavorare per domenica. Bene che ci sia totale sintonia con la società, quando questa c'è le operazioni vengono fatte velocemente. Non poniamo limiti in campo e fuori.

Articoli correlati