Questo sito contribuisce alla audience di

Kalinic: “E’ stato Sousa a portarmi alla Fiorentina, una bella esperienza. Ho rifiutato la Cina per rimanere in viola perché…”

Intervistato dal quotidiano spagnolo AS, l’ex attaccante della Fiorentina, Nikola Kalinic ha parlato anche del suo rifiuto al trasferimento in Cina quando vestiva ancora la maglia viola: “Mi avevano offerto davvero molto denaro, è la verità, però io gioco perché amo il calcio, non solo per i soldi. Se fossi andato là la mia carriera sarebbe praticamente finita. Ho deciso di proseguire giocando al calcio al massimo livello con e contro grandi squadre”.

Sull’esperienza viola ha aggiunto: “Sousa ha apprezzato la mia carriera, mi chiamò per andare a Firenze. Fu emozionante, mi conoscevano a malapena, però facemmo un gran campionato. Giocavamo bene con Sousa e io facevo gol, è stato un bel periodo prima di andare a Milano”.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Tu hai rifiutato la Cina perche’ eri gia’ d’accordo con quei disonesti del Milan.Il tuo rifiuto ad andare in cina e’ costato 20 milioni alla Fiorentina(45 contro 25)senza considerare i tanti soldi in piu’ che avresti preso tu,FRESCONE.Comunque ti sta bene,a te ed a quell’altro insipido di Montolivo.Imparate a vivere ed a stare sulla terra.Vi siete comportati per quello che siete veramente :ZERO.

  2. La tua carriera è praticamente finita quando sei andato via da Firenze, Belinone!
    In compenso sei diventato un grande interprete di sceneggiate. Belinone!.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.