Questo sito contribuisce alla audience di

La Juventus come il Psg, travolge in casa il Barcellona

La Juventus fa sua nettamente la partita di andata dei quarti di finale di Champions League contro il Barcellona. I bianconeri travolgono in casa il blaugrana vincendo per 3 a 0, in virtù anche di una partenza fortissima; infatti dopo poco più di 20 minuti la formazione di Allegri si ritrova sopra di due gol grazie ad una bella doppietta siglata la Dybala. Al cinquantacinquesimo invece arriva il 3 a 0 firmato da Chiellini che mette la Juve in condizione di andare a giocare in Spagna con un grande vantaggio. Un po’ quello che era successo nel turno precedente proprio tra il Barça e il Psg, con i francesi che ne fecero addirittura quattro tra le mura amiche, salvo poi farsi clamorosamente rimontare e travolgere al Camp Nou, 6-1.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

34 commenti

  1. Ho letto e riso molto a leggere le farneticazioni di quella capra di DARIO…vorrebbe costruire una squadra forte con i soldi a disposizione della rubentus e non si ricorda che in panchina abbiamo lo psicopatico portoghese che capisce di calcio come lui..cioè zero..hahaha VIA SOUSA SUBITO DA FIRENZE INSIEME A DARIO..PER UN’ARIA MIGLIORE…FV

  2. Io ricordo un Fiorentina-Barcellona, giocata da pari a pari. Era la Coppa delle Coppe, probabilmente se nn avessimo avuto il Bati squalificato (magari anche un arbitro diverso dalla biondina svedese) saremmo anche riusciti a passarlo quel turno.
    È evidente che questo Barca è molto cresciuto da quel tempo (anche se quello aveva forse il miglior Ronaldo), è cresciuto anche il calcio spagnolo, mentre il nostro è calato, ma resta il fatto che nulla è ineluttabile o insovvertibile.
    Quello che in molti hanno capito (basta guardare i commenti) e che sempre meno si rifiutano di accettare, è che per competere ad alti livelli serve una crescita costante, bisogna accettare anche il fatto di dover compiere sacrifici economici (che poi si ripagano da soli quando riesci a consolidare il nuovo status), la nostra proprietà, semplicemente, ha dimostrato di nn voler compiere questo percorso.
    I gobbi pur nn venendo da un fallimento, hanno comunque toccato la B (???), ma passo dopo passo, passando anche attraverso investimenti pesanti da parte degli Agnelli, hanno consolidato una posizione di vertice in Europa. Poi speriamo tutti che raggiungano la finale e la perdano, ma questo è un altro discorso.

  3. volevo solo fare un altro esempio…l’anno di Rossi e gomes..una volta infortunato Mario..rossi è stato spremuto invece di essere salvaguardato..perché in panchina avevi matos e iakovencho…questo mi rende nervoso..ripeto nessuno vuole messi..ma alla epoca. .unaingolan proprietà come i della valle invece di due pacchi come i suddetti..non potevano permettersi..berghessio..denis..quagliarella..paloschi..papu..therue. …etc…giocatori veri..no pacchi? secondo me si..e alla grande anche…

  4. tra messi e matos. .ci sono tanti giocatori…vedi Stefano capisco quello che dici..ma te cerca di capire quello che critichiamo noi ai della valle..se vendi cuadrado…non puoi prendere gilberto..se vendi alonso non puoi prendere Milic e oliveira…certo nessuno pretende cristiano ronAldo..naingolan…ma quando vedo prendere tino costa e benaluanne…mi posso un poco sentire preso x il c..o..oppure no? kalinic è stato pagato sette milioni di euro.msrcello lo vendi a 30..e sei una società capace nel compri tre di kalinic..uno in difesa una a centrocampo e uno in attacco e ti avanzano 9 milioni. ..questo noi vorremmo…giocatori utili..no bidoni..come da tre o quattro anni arrivano spesso. .se poi voi siete contenti..di Milic..oliveira..Gilberto.tino costa..benaluanne..Cristoforo. .de maio..sono contento x voi..posso dire che secondo me una società che ci capisce di calcio con i soldi di savic alonso e cuadrado..ci compra dei gran bei giocatori? mi ritengo libero di poterlo dire

  5. Del resto non può essere altrimenti considerando che dopo la sosta abbiamo cominciato da subito a proporre un altro calcio e a perdere punti. Venivamo da due settimane di riposo, quindi il fiato c’è, il calo è stato repentino e non graduale, perciò la variabile è morale e non fisica.

  6. Stefano

    la Fiorentina ha toccato la vetta a fine girone di andata, verifica meglio. Inoltre se io allenatore in accordi con la proprietà come un fulmine a ciel sereno ottengo un NO secco quando la società deve intervenire per fare il meglio per la squadra questo genera una grossa ripercussione psicologica sull’allenatore e di seguito sui giocatori.

    Dovresti sapere che la componente psicologica è tutto nel calcio subito dopo la qualità. Vedi Inter per l’appunto.

  7. Aspetta DARIO,dovevamo comprare un paio di elementi ed è giusto,però tu fai un po’ di confusione. Noi eravamo secondi dietro l’Inter alla sosta di Natale,non primi,e non hanno venduto nessun miglior giocatore ma Suarez e Matos,che Sousa non faceva giocare mai,sistituendoli con Tello e Zarate. Non hanno rinforzato,ma dubito che ci fossimo indeboliti. Diciamo che Sousa,da gran furbone,aveva fatto una preparazione leggerissima per partire sparato e farsi notare. Poi tanto,se a gennaio non gli avessero comprato ciò che lui chiedeva(e magari anche se glielo avessero comprato,lui avrebbe detto che non voleva quei calciatori)e la colpa del girone di ritorno ridicolo sarebbe sempre caduta sulla società. Dico io,ma ti pare possibile che prima della sosta sei in lotta scudetto,e improvvisamente coi giocatori belli riposati e la squadra non indebolita,tu diventi una squadretta da metà classifica scarsa??? Qualcosa non quadra.

  8. Stefano

    il tuo discorso va bene ma non sto dicendo che la Fiorentina dovrebbe spendere tra ingaggi e cartellini quello che spende la Juve e il motivo lo conosciamo, lo hai appena esposto ma non si può accettare che nel momento in cui sei primo in classifica e ti servono un pio di elementi da inserire a centrocampo e in difesa tu invece di investire prendi il cambio e metti la retromarcia come hanno fatto i DV l’anno scorso. Secondo te la proprietà torinese che a fine girone di andata si trova prima ad un punto dalla seconda che cosa fa ? Investe per tentare di incrementare il vantaggio o quanto meno per mantenere la cima o vende uno dei migliori che ha per comprare un paio di elementi di cui uno rotto e l’altro solo voce di corridoio ?

    Non è solo questione di soldi come dici tu che comunque è c’è ma è anche una questione di priorità, di obiettivi e di mentalità aziendale. Se d’accordo o no ?

  9. Purtroppo devo dire che ammiro Allegri…bel gioco…si….ma conta il risultato. Quello che non vuol capire Suora o meglio fa finta di non capire. Lui gioca a seconda della squadra che ha difronte. Penso se fosse alla Fiore…non manderebbe tutti all’attacco con i giocatori che non hanno la potenzialità per esprimere un’altra gioco. Questo per me è un tattico e vero tecnico. Quello che per me non è Suora. Vedi Montella che ha cambiato il suo credo se voleva ottenere qualcosa con i carciofi che ha alle mani

  10. La juve forte ma ieri è stata abbastanza fortunata a pescare subito con dybala 2 gol su 2 tiri. Poi iniesta che sbaglia un gol semplice per lui. Poi tutti dietro a difendere e chiellini che pesca un altro jolly. Insomma il bello del calcio. Allegri bravo ma anche fortunato ieri. Vabbe cmq darebbe più soddisfazione se i gobbi perdono di nuovo un finale..

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.