La tiratina d’orecchi a Ikoné non manca mai: le pretese ancora non soddisfatte di Italiano

Un po’ direttamente in allenamento, un po’ in sala stampa ma il rapporto di amore-odio tra Vincenzo Italiano e Jonathan Ikoné resta sempre acceso e anche nel punto finale del tecnico sulle due settimane di ritiro a Moena l’argomento è venuto fuori, come scrive Repubblica. Al francese viene richiesta imprevedibilità e fantasia ma il tutto finalizzato alla realizzazione mentre l’ex Lille sembra ancora troppo fumoso, troppo legato ad un’estetica che raramente si concretizza. Sulle doti tecniche e l’apprezzamento di Italiano non ci sono dubbi ma la Fiorentina ha bisogno di un esterno che segni e sposti l’equilibrio delle partite, cosa che fin qui Ikoné ha faticato a mettere in pratica. Ora i test veri, contro avversari anche di prima classe, per capire se lo stimolo della gara prestigiosa possa ispirare il francese un po’ di più rispetto alle gare di Moena.

Guarda i commenti (9)

  • A Cabral e ikonè in particolar modo va dato tempo. Abbiamo attaccato anche Ilicic per poi rimpiangerlo...ma non vi vergognate a criticare Gonzales..??????

  • Va concesso altri 6 mesi di ambientamento ad Ikonè? E altri 6 a Cabral?

  • Vedremo nelle partite serie cosa combinerà, ma fra lui e Cabral c'è il rischio concreto di aver buttato 30 milioni lo scorso gennaio. Cabral di sicuro è messo molto peggio, con avversari appena più "seri" a Moena è praticamente sparito... Ho l'impressione che uno Jovic al 40% (come è appunto adesso) è comunque meglio di un Cabral al 100%

  • Pinguino Cabral è questo: modesto giocatore da bassa serie B.

  • Una cessione Ikonè per l'acquisto Berardi sarebbe veramente una ciliegiona sulla torta. Ma si chiederebbe troppo, determinate operazioni non rientrano nelle capacità del duo meraviglia.

  • Avevo aspettative su Ikonè. Adesso valuterei di ricollocarlo in Francia e prendere qualcun altro. Forse semplicemente non è adatto al nostro calcio. Nico è forte. Quanto a Cabral come ho sempre detto avrei preferito un'ariete vero. Sopra il metro e novanta.

  • Io sono sulla falsariga delle impressioni di Teo. Ma con speranza infinita di essermi sbagliato.

  • ikone, cabral e gonzalez, sono delle zavorre. ikonè fumoso, confusionario e inconcludente; gonzazel anche lui fumoso e pure una testa calda che fa falli da reazione pure nelle amichevoli estive; cabral sembra uno alla tanque silva. Gente che è qui da più di 6 mesi e ancora si spera che facciano vedere qualcosa al di là della confusione e dei gol sbagliati

Articoli correlati