Questo sito contribuisce alla audience di

La triste parabola di Gaspar

Bruno Gaspar è stato acquistato da Pantaleo Corvino perché in lui si erano intraviste le potenzialità per essere il nuovo terzino destro della Fiorentina. Un annoso problema, che il portoghese sembrava dovesse risolvere: ma già dalla preparazione sono cominciati i primi problemi, con il direttore generale viola che ha acquistato Laurini proprio per le poche sicurezze date dall’ex Vitoria Guimaraes. Scavalcato dal francese, Gaspar è finito in panchina ma l’assenza dell’ex Empoli contro la Juventus sembrava potesse aprirgli le porte ad una maglia da titolare. E invece Pioli ha schierato il giovane Milenkovic, di professione difensore centrale, sulla fascia destra: una scelta che si è rivelata azzeccatissima, dato che Mandzukic è stato annullato dal serbo. Una bocciatura per Gaspar, che non ha giocato nemmeno in assenza del titolare e chissà quando potrà farlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Come potevano pensare che un fuscello come Gaspar fosse adatto al campionato italiano? Forse potrebbe giocare nel campionato allievi, o no?

  2. Se dovessi scegluere tra Gaspar e Laurini Io prenderei gaspar

  3. Amaramente vero!

  4. Piccini a tre milioni non lo ha preso solo perché non poteva mangiare sulle commissioni. Corvino fai schifo come i giocatori che compri incapace vattene.

  5. Meglio così … in panchina, anche perché venderlo mi pare difficilino.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.