Questo sito contribuisce alla audience di

Milenkovic convince tutti e la Fiorentina gongola

Partito alla volta della Russia in punta di piedi, il destino al Mondiale di Nikola Milenkovic sembrava al quanto incerto o comunque lontano dai riflettori. Il giovane serbo in poco tempo però è riuscito a conquistarsi il posto, collezionando già due presenze da titolare con la maglia della nazionale maggiore. Schierato dal primo minuto dal tecnico Krstajic anche nella sfida contro la Svizzera, il classe ’97 viola ha dato dimostrazione della maturità acquisita nella sua prima stagione in Serie A con la maglia viola.  Nella prima frazione di gara è riuscito a limitare le offensive degli elvetici costringendo Petkovic a togliere l’ex viola Seferovic, totalmente surclassato dallo strapotere fisico e tattico del giovane difensore di Belgrado. Anche nella seconda frazione di gara, dove poi la Svizzera è riuscita a prendere il sopravvento, Milenkovic è stato l’ultimo del reparto difensivo a “mollare”, mettendo a nudo i limiti del altro centrale difensivo serbo Zoran Tosic, colpevole di aver tenuto in gioco Shaqiri nell’azione del vantaggio svizzero. Adesso il vero e proprio esame di maturità: Mercoledi prossimo la partita con i favoriti del Brasile sarà un vero e proprio “dentro o fuori” per la Serbia, con il giovane Nikola che si ritroverà a marcare elementi del calibro di Coutinho, Neymar e Douglas Costa. In attesa di tutto ciò la Fiorentina è avvisata: molto probabilmente alla fine della manifestazione mondiale in molti arriveranno a bussare alla porta della sede di Viale Fanti per il difensore serbo e i dirigenti viola dovranno scegliere: fare la voce grossa, e trattenerlo ancora almeno un altra stagione a Firenze, oppure cedere all’idea di “piazzare” l’ennesima plusvalenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Con buona pace di Pioli che vorrebbe utilizzarlo “alla Ivanovic”. La ragion di stato vince su tutto. Pazienza e tifiamo per Laurini che male non e’.

  2. Francesco Bellino

    Perché dobbiamo rallegrarci se un nostro calciatore potrebbe essere una plusvalenza , se poi quando abbiamo venduto per acquistare a prezzi alti non possiamo farlo, dove ATA la convenienza? Solo per la tasca dei fratellini…

  3. Francesco Bellino

    Perché dobbiamo rallegrarsi se un nostro calciatore potrebbe essere una plusvalenza , se poi quando abbiamo venduto per acquistare a prezzi alti non possiamo farlo, dove ATA la convenienza? Solo per la tasca dei fratellini…

  4. Ma dico perché ogni nostro giocatore che mostra un certo valore lo dobbiamo tenere solo un anno vedi Chiesa Veretout ecc.. la vogliamo costruire questa squadra ? o no.

  5. Provare a tenerlo e costruire una squadra competitiva, no è !!!

  6. Non leggo critiche, strano

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.