Questo sito contribuisce alla audience di

Milenkovic scala gerarchie. E Laurini traballa

Contro la Juventus Nikola Milenkovic ha convinto tutti. Il giovane difensore serbo però aveva già ampiamente dato segnali positivi nelle prime due uscite contro Cagliari e Lazio, e si era confermato pure col Bologna. Poliedrico ed affidabile, il difensore classe ’97 può giocare da centrale in una linea a 4, ma anche come terzo centrale in una difesa a 3 e da terzino destro bloccato. Un calciatore che sorprende per maturità e personalità e che ha scalato le gerarchie di Pioli. Il ragazzo è pronto a prendersi un posto nella difesa della Fiorentina, e Laurini adesso rischia parecchio. Scavalcato Vitor Hugo, penalizzato oltretutto dal piede mancino: l’ora di Milenkovic ormai è scattata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Claudio di Ferrara

    Senza far passare 6 mesi prima di farli giocare però!

  2. Assurde sono le critiche che vengono fatte a Pioli!! Oltre tutto da quelli stessi che sarebbero stati i primi a criticare se, messo in campo all’inizio campionato, avesse fatto qualche brutta prova (cosa che per un giovane all’inizio nella serie A italiana non sarebbe stato così strano). Giustamente Pioli ha dato al ragazzo il tempo di assimilare l’impatto con una realtà diversa dalla sua, con una lingua diversa dalla sua, ecc.
    I giovani non vanno buttati allo sbaraglio, vanno instradati e dobbiamo dargli il tempo di crescere perché da un’altra nazione o dalla Primavera alla serie A italiana il salto è bello grosso e si rischia di bruciare un talento. Smettiamola di essere impazienti e di criticare sempre e comunque.

  3. Assurdo averlo visto per la prima volta a Dicembre!!

  4. MILENKOVIC..CHIESA…PEZZELLA..VARETOUT..OTTIME NOTIZIE PER DON DIEGO 💰..FV

  5. Se non ci fossero state squalifiche e indisponibilità Pioli non lo avrebbe provato e adesso non sapremmo il valore di questo ragazzo. Lo Faso e gli altri della primavera andrebbero provati adesso visto che siamo quasi salvi ma dubito che Pioli ci senta .

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*